24 ottobre 2009 - Ravenna, Cervia, Faenza, Lugo, Cronaca

“Tia, aiuteremo i cittadini a chiedere il rimborso”

Il Pdl promuove una campagna per favorire la restituzione dell’Iva non dovuta

 Il Pdl sta promuovendo in questi giorni una campagna provinciale rivolta agli utenti: l’obiettivo è quello di sollecitarli a farsi restituire l’Iva pagata sulla tariffa di igiene ambientale. Come spiegano gli esponenti del Popolo della Libertà, una  sentenza dello scorso luglio della Corte costituzionale ha dichiarato illegittima l’applicazione dell’Iva (al 10 per cento) sulla Tia: sostanzialmente, la suprema corte ha negato la possibilità di applicare una tassa su una tassa. Tuttavia, le bollette di Hera sono ancora gravate dall’Iva.

Vario, ovviamente, l’ammontare del rimborso dovuto: si stima che una famiglia di tre persone possa ottenere un rimborso di circa 150 euro complessive a partire dal 2003.

Il Pdl presenterà in tutta la provincia interpellanze nei Comuni, e metterà a disposizione online i moduli per chiedere i rimborsi. Il vice coordinatore vicario provinciale, Gianluca Palazzetti, ha sottolineato il valore dell’iniziativa messa in campo, “un’azione concreta e vicina ai cittadini”. Al momento  i moduli sono scaricabili dal sito brisighellanelcuore.wordpress.com; si possono anche ritirare nelle sedi dei gruppi consiliari e nelle sedi del Pdl. Dalla prossima settimana saranno poi disponibili sul nuovo sito del partito. 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.