24 ottobre 2009 - Ravenna, Politica

"Dilazionare le spese per le famiglie in difficoltà"

Gianfranco Spadoni soddisfatto per le parole di Matteucci: "Ma serve un nuovo welfare"

Per il consigliere comunale Gianfranco Spadoni l'iniziativa di Matteucci per sostenere i nuclei familiari meno abbienti è una buona idea: "nPotere consentire di dilazionare le spese delle utenze che più incidono sul loro bilancio, a cominciare dal gas, l’acqua, i canoni di affitto di locazione, etc.,rappresenta un atto di assoluta responsabilità morale e civile."

"Tra l’altro le statistiche della nostra regione evidenziano un livello di reddito molto elevato, tuttavia questi dati vanno di pari passo a quello della disuguaglianza sociale, purtroppo gradualmente in crescita e con ripercussioni negative sul piano dell’equità e della coesione sociale. Fenomeni in qualche modo presenti anche nel perimetro del nostro Comune, se si tiene conto dei bisogni emergenti, delle aree di disagio e delle nuove povertà, in uno scenario di servizi e di reti assistenziali spesso non in grado di fornire adeguata risposta, per mancanza di risorse."

"Oltre alle utenze domestiche vi è anche una serie di politiche sociali rivolte all’infanzia assolutamente insufficienti, sino ad arrivare al carico burocratico degli strumenti di programmazione territoriale che così incidono sui costi del cittadino e della pubblica amministrazione al cui interno l’efficacia e l’efficienza dei servizi lasciano ancora a desiderare. Il tema forte da risolvere localmente resta il disegno di un nuovo e più idoneo welfare, in grado di fare fronte ad una domanda sempre più in aumento a fronte, appunto, di nuove povertà e di crescenti situazioni di disagio".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.