1 dicembre 2010 - Ravenna, Cultura

“Una fiction ravennate per il Risorgimento romagnolo”

Mingozzi: “La sceneggiatura presentata a Mediaset e Rai”. Coinvolti anche la Repubblica di San Marino e uno stato brasiliano

Ravenna e il Risorgimento romagnolo raccontati in uno sceneggiato televisivo. Il progetto, prossimo al suo compimento, lo racconta il vicesindaco Giannantonio Mingozzi. “La sceneggiatura è a buon punto ed è molto probabile che una fiction in tre o quattro puntate sulla Trafila, Garibaldi e Anita nel Risorgimento romagnolo venga presentata sia alla Rai che a Mediaset come una delle iniziative che Ravenna mette in campo per celebrare il 150° anniversario dell’Unità d’Italia”.

 “Ci stiamo lavorando da quando abbiamo costruito l’intelaiatura dello spettacolo teatrale ‘Tu sarai mia’ - aggiunge -. Assieme al professor Sauro Mattarelli e a due giovani registi ravennati, Vergari e Menghi, che hanno frequentato l’università nella nostra città, siamo ormai a buon punto affinché l’avventura della fuga di Garibaldi da Roma, del salvataggio compiuto nelle nostre valli e in pineta e del dramma di Anita venga tradotta in una fiction televisiva. Mercoledì prossimo presenteremo l’idea alla Repubblica di San Marino (dove Garibaldi si fermò alcuni giorni durante la sua fuga) mentre lo stato di Santa Catarina in Brasile ci ha già dato la propria disponibilità a contribuire e a realizzare almeno una puntata nei luoghi dove Garibaldi ha conosciuto Anita: si profila quindi una produzione ravennate, sanmarinese e brasiliana. Abbiamo contattato alcuni attori ravennati e chiesto qualche consiglio a Ivano Marescotti; non c’è dubbio che tutte le comparse dovranno essere ravennati, perché queste puntate debbono dare l’idea di come la nostra popolazione sia stata protagonista nel 1849 come oggi dello spirito civico dell’unità d’Italia e di quel testamento risorgimentale che fa parte anche nei luoghi, dal capanno Garibaldi a Mandriole, dalla pineta alle valli, della nostra storia. E’ nostra intenzione coinvolgere in particolare gli studenti universitari e ci auguriamo che i principali network televisivi italiani si dichiarino disponibili”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.