27 dicembre 2010 - Ravenna, Società

Capodanno, i ravennati "fuggono" ai Tropici

Non si ferma la voglia di vacanze. Tutte le mete

Capodanno al tropico. Superati i tempi delle vacanze di Natale a Cortina d’Ampezzo o Madonna di Campiglio i ravennati scelgono le spiagge assolate delle isole più belle per trascorrere gli ultimi giorni dell’anno all’insegna del relax e dello svago. Crisi o non crisi, il turista ravennate non può e non vuole rinunciare alla vacanza, come dimostrano le agenzie di viaggi della città, prese d’assalto già a partire dal mese di novembre.

“Ma quale crisi, il ravennate cerca la qualità ed è disposto a spendere pur di non passare le festività in città – spiega Ruben dell’agenzia Atonga Viaggi. Nella nostra agenzia continuano ad arrivare persone che vogliono partire a tutti i costi ma in molte destinazioni è già tutto pieno. Magari arrivano con delle idee e se ne vanno con delle altre, ma l’importante è riuscire a partire”.

Mete preferite le spiagge tropicali, tra cui Zanzibar, Kenya e Mar Rosso, mentre scendono le capitali europee. In fondo alla classifica le mete italiane, ritenute troppo care. “Andare in Italia in proporzione costa molto di più che andare all’estero – aggiunge Ruben. Un week end in Toscana con pernottamento e colazione per due persone ad esempio può arrivare a costare 900 euro, mentre con 1000 euro in più si può partire per una settimana in Egitto con una formula all inclusive”.

Tra le nuove mete spicca Aruba, isola dei Caraibi “american style a metà strada tra Santo Domingo e il Venezuela” chiosa Ruben, con sabbie bianche e acque cristalline. Considerata un paradiso fiscale oltre che naturale, l’isola ospita una serie di casinò, con gli spettacoli tipici di Las Vegas.

Anche tra le capitali europee è il clima mite il fattore che più di altri sembra influenzare la scelta del turista: “una delle città più gettonate è stata Barcellona – spiega Silvia dell’agenzia Orinoco. Chi ha la possibilità di stare via per un periodo più lungo invece sceglie di trascorrere una settimana alle Maldive, Caraibi o Mar Rosso”.

Poche le prenotazioni in montagna, scelta per lo più da famiglie con bambini o gruppi di adolescenti, così come le prenotazioni last minute. “La maggior parte dei nostri clienti ha prenotato con largo anticipo – aggiunge Silvia – perché il turista non si vuole accontentare di quello che rimane”.

E poco importa che siano pochi giorni o una settimana, “un dato è certo, alla vacanza non si rinuncia” conclude Silvia.

(v.v.)
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019