30 dicembre 2010 - Ravenna, Cronaca

Droga e pallottole, due arresti

Un italiano di 28 anni e un tunisino di 36 anni

La Polizia di Stato e la Polizia Municipale di Ravenna hanno arrestato ieri pomeriggio, un italiano di 28 anni, ed un tunisino di 36 anni, per detenzione di droga e possesso di munizioni.
 

I due sono stati fermati a Ponte Nuovo, da una pattuglia della Polizia Municipale della Vigilanza di Quartiere, per un normale controllo di polizia stradale. Nel corso della verifica, il passeggero tunisino, alla richiesta dei documenti, si è dato alla fuga in direzione del canale Fiumi Uniti, con l’intento di sbarazzarsi di un involucro nel canale.
Il fuggitivo è stato prontamente raggiunto da uno dei due agenti, coadiuvati da altre pattuglie della Volante e della Squadra Mobile intervenute sul posto, e bloccato mentre  l’involucro (un guanto) è stato recuperato.
Una volta in Questura si è accertato che il guanto conteneva i "classici" involucri per la droga confezionati con carta di alluminio, in cui sono stati trovati 25,00 grammi circa di eroina (in auto vi era la carta metallica per il confezionamento di altre dosi).
 

In considerazione dell’esito positivo degli accertamenti al narcotest è stata effettuata un’ulteriore perquisizione anche nell’abitazione dell’italiano, nativo di Catania e residente in Forlì, col concorso della Squadra Mobile di quella città.  All’interno dell’appartamento sono stati trovate e sequestrate 25 cartucce calibro 9 mm corto, occultate in un’intercapedine, ed una pistola giocattolo priva del tappo rosso (una replica della BERETTA 9x21, in dotazione alle Forze di Polizia) custodita in un armadio.
 

I due, con diversi precedenti di polizia per reati contro la persona ed il patrimonio, sono stati foto segnalati e dichiarati in arresto, tenuti a disposizione per l’autorità giudiziaria per l’udienza che si terrà in giornata.
Il veicolo utilizzato dalla coppia, non essendo coperto da assicurazione, è stato sequestrato dalla Polizia Municipale che peraltro ha denunciato il proprietario per aver fatto uso di un contrassegno falsificato.
 

Il Questore di Ravenna, Dr Giuseppe Racca, ha espresso apprezzamento per l’ennesima operazione congiunta, frutto del coordinamento esistente tra le Forze dell’Ordine e la Polizia Municipale.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.