30 dicembre 2010 - Ravenna, Cronaca, Società

Quartiere Sant'Agata, l'aiuto di CittA@Attiva e Linea Rosa

Con l'iniziativa "Adotta la vetrina"

Sono tre fin'ora i negozi ddel quartiere Sant’Agata ad essere protagonisti del progetto “Adotta la vetrina”. In tre mesi gli operatori di CittA@ttiva sono riusciti a coinvolgere giovani artisti, associazioni di volontariato e comuni cittadini in una nuova iniziativa finalizzata a rendere più accoglienti il quartiere della stazione e il quartiere Sant’Agata.
 

“Adotta la vetrina” prevede la collaborazione tra negozianti e cittadini: i primi concedono l’uso delle vetrine, i secondi mettono a disposizione creatività e buona volontà per allestirle. Un’opportunità particolarmente gradita a quei giovani creativi o artisti che sono alla ricerca di spazi espositivi, o alle associazioni di volontariato che vogliano far conoscere le loro attività.
 

Spesso i negozianti appena arrivati gestiscono i loro negozi come nel paese da cui provengono, e a chi non è abituato paiono caotici e “fuori dagli schemi”. Gli african shop spesso sono punti di ritrovo. E’ una cosa bella, anche se a volte voci e musica alta possono dare fastidio. Entrare nei negozi, pensando insieme ai negozianti a come rendere il negozio più gradevole, lavorare insieme, è sicuramente un modo per conoscersi e fare mediazione culturale.
 

E' quello che si propongono le volontarie di Linea Rosa, l’associazione di volontariato che da quindici anni lotta contro le violenze sulle donne. Recentemente hanno adottato la vetrina del negozio di Valentina, che si trova nel quartiere Sant’Agata, in via Sant’Agata 14. Come racconta Monica Vodarich, di Linea Rosa, “la prima volta siamo state tutto il pomeriggio nel negozio e abbiamo voluto curare soprattutto la relazione. Valentina all’inizio era un po’ timida e non capiva come mai alcune persone impiegassero il loro tempo per il suo negozio. Alla fine, visto il risultato, ha riconosciuto che una bella vetrina può aiutarla anche a vendere di più. Le abbiamo proposto di tornare dopo il 6 gennaio per cambiare la vetrina. Mentre lavoravamo alla vetrina è passata una ragazza che frequenta il Liceo Artistico, ci ha chiesto cosa stavamo facendo e quando gliel’abbiamo spiegato ha detto che essendo la scuola molto vicina potrebbe dare una mano anche qualche classe.
 

“Complimenti a Linea Rosa, che ha colto la nostra idea e l’ha realizzata in totale autonomia - commentano Andrea Caccìa e Stefania Pelloni di CittA@ttiva. Ci fa piacere vedere che le belle idee e le buone prassi di cittadinanza attiva piacciono e vengono replicate, solleticando la fantasia dei giovani e di nuove persone. Abbiamo diversi negozi interessati a prestare le proprie vetrine a CittA@ttiva e a persone interessate ad “adottarle”, in zona stazione, in centro e in periferia”.
 

CittA@ttiva seleziona fotografie, quadri, opere che possano essere adatte ad essere esposte nelle vetrine o dentro i negozi già disponibili, fa conoscere negoziante e artista o associazione. Le prime due vetrine sono state “adottate” da Alessandro Lonzi e dalla Cooperativa Sociale Persone in Movimento.
Persone o associazioni interessate ad adottare una vetrina possono contattare gli operatori di CittA@ttiva al 335 1802940 o scrivendo una e-mail a cittattiva@comune.ra.it.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.