9 marzo 2011 - Ravenna, Cronaca

Uaar in piazza per una scuola pubblica laica

Sabato 12 marzo la manifestazione in piazza del Popolo

Il Circolo Uaar (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti) di Ravenna aderisce alla manifestazione in programma sabato 12 marzo alle 15.00 in piazza del Popolo, "per una scuola della Repubblica laica, democratica e pluralista".

L'Uaar, associazione di promozione sociale, ha tra i propri scopi l’affermazione del supremo principio costituzionale della laicità della scuola pubblica.
"Contrastiamo il principio di sussidiarietà che, in nome di un discutibile interesse generale, favorisce le scuole private confessionali con finanziamenti pubblici, cioè di tutti i cittadini. Di questo hanno responsabilità sia esponenti di centrosinistra che di centrodestra.
 

Pensiamo che la scuola pubblica debba essere una scuola di tutti e per tutti in cui non c'è un'ispirazione filosofica o religiosa privilegiata. È questa la scuola
che vogliamo difendere e migliorare per dare un futuro di piena cittadinanza a tutti bambini e bambine residenti in Italia.
 

Ad oggi, nella scuola pubblica statale è previsto un insegnamento conforme alla dottrina della Chiesa Cattolica tenuto da insegnanti ritenuti idonei dal vescovo e
pagati dallo Stato. Il Miur (Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca) indica per l'anno scolastico 2009/10, 13.880 insegnanti di religione assunti per concorso a tempo indeterminato (54 per la Provincia di Ravenna) e 12.446 a tempo determinato.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.