16 marzo 2011 - Ravenna, Cervia, Faenza, Lugo, Cronaca

Assistenza sanitaria per i ravennati in ritorno dal Giappone

La struttura di riferimento è l'ospedale Bufalini di Cesena

L’Emilia-Romagna è pronta a ricevere e dare assistenza alle persone che arriveranno in regione dal Giappone e che sono state esposte alla radioattività derivante dalle emissioni delle centrali nucleari in condizioni critiche dopo il terremoto.
 

Per i ravennati la struttura di riferimento più vicina è l'Ospedale Bufalini di Cesena, che insieme al S. Orsola-Malpighi di Bologna e all'ospedale di Parma, garantirà assistenza sanitaria alle persone esposte a radiazioni.

La Regione ha scritto una lettera ai direttori generali della aziende sanitarie regionali precisando che le persone provenienti dalle aree del Giappone potenzialmente contaminate potranno rivolgersi al pronto soccorso dei tre ospedali di Parma, Bologna e Cesena dove saranno prese in carico per rilevare l’eventuale contaminazione e procedere in condizioni di sicurezza agli accertamenti necessari.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.