12 novembre 2009 - Ravenna, Cronaca

Il sindaco ricorda i caduti di Nassirya

"Gesto simbolico a nome di tutta la comunità"

In occasione del sesto anniversario della strage di Nassirya, il sindaco Fabrizio Matteucci ha ricordato i caduti deponendo un mazzo di rose rosse in piazza dei Carabinieri.

“Un anno fa – ha ricordato Matteucci – in occasione del quinto anniversario dell’attentato di Nassirya in cui persero la vita diciannove  italiani – dodici carabinieri, cinque  militari dell’Esercito e due civili -  il ministro della Difesa Ignazio La Russa annunciò che il 12 novembre  sarebbe diventato il giorno del ricordo di tutti i caduti delle missioni di pace. In attesa che questa giornata venga istituita, questa mattina ho deposto dei fiori in piazza dei Carabinieri per ricordare  tutte le vittime italiane di quel tragico attentato in cui persero la vita anche nove  cittadini iracheni”.

Il sindaco ha poi ricordato i nomi dei caduti. I  dodici carabinieri: il maresciallo aiutante Massimiliano Bruno, il sottotenente Giovanni Cavallaro, il brigadiere Giuseppe Coletta, l’appuntato Andrea Filippa, il maresciallo luogotenente Enzo Fregosi, il maresciallo capo Daniele Ghione, l’appuntato Horatio Majorana, il brigadiere Ivan Ghitti, il vice brigadiere Domenico Intravaia,  il sottotenente Filippo Merlino, il maresciallo Aiutante Alfio Ragazzi, il maresciallo aiutante Alfonso Trincone. I  cinque militari dell’Esercito: il capitano Massimo Ficuciello, il maresciallo capo Silvio Olla, il primo caporal maggiore Alessandro Carrisi, il caporal maggiore capo scelto Emanuele Ferraro e il caporal maggiore Pietro Petrucci. I due civili: il cooperatore internazionale Marco Beci e il regista Stefano Rolla. 

“Ho fatto questo gesto simbolico  a nome di tutta la comunità ravennate, di chi era favorevole alla guerra in Iraq e di chi, come me,  era contrario. Ma quando i nostri soldati sono in giro per il mondo sono italiani e basta”.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.