10 maggio 2011 - Ravenna, Eventi

La mobilità sostenibile secondo gli studenti ravennati

Il 14 maggio la presentazione del progetto "Ciclo.pe" all'Urban Center

Sabato 14 maggio alle 11 presso l’Urban Center di Ravenna via Cavour n. 1, all’interno della Mostra dedicata al Giro d’Italia, verranno presentati i risultati dell'iniziativa “Progettiamo insieme il nostro Ciclo.pe” e del progetto “Per una cultura alla mobilità sostenibile” cofinanziato da Infea e portato avanti dalla scuola media "Damiano Novello", il liceo artistico "Nervi" e il liceo classico "Dante Alighieri".

In particolare per il progetto “Progettiamo insieme il nostro Ciclo.pe” – che in mostra sarà correlato da una serie di pannelli che ne descrivono le fasi - si è trattata di una vera e propria progettazione partecipata con spazi di lavoro, spunti e momenti di sensibilizzazione che hanno coinvolto la cittadinanza ed in particolare i giovani studenti frequentanti gli Istituti del polo scolastico attiguo a Viale Randi.

Tra i numerosi soggetti coinvolti nel progetto le vere protagoniste sono le seguenti scuole: Scuola Primaria V. Randi, il suo Gruppo Pedibus e la  Scuola Materna Statale Giorgio Gaudenzi (ex Buon Pastore) del 9° Circolo Didattico, l'istituto Tecnico per Geometri “Camillo Morigia”, l’Istituto Tecnico Industriale Statale “Nullo Baldini” e il Liceo Artistico “L. Nervi” di Ravenna.

Nella fase di ricognizione, tramite questionari, sono state coinvolte anche le succursali presenti e cioè quelle del Liceo Scientifico “Alfredo Oriani”, dell’Istituto Tecnico Statale Commerciale “Giuseppe Ginanni" e del Liceo Ginnasio Statale "Dante Alighieri".

"L’obiettivo principale - spiegano gli organizzatori - è stato quello di condividere la progettazione esecutiva di una nuova pista ciclopedonale a servizio del bacino scolastico situato a ridosso di viale Randi e di stimolare nel contempo una cultura della sicurezza e della sostenibilità nelle scelte relative alla mobilità.

Il progetto si è sviluppato non tanto insieme alle scuole ma nelle scuole con momenti di confronto e collaborazione pluridisciplinare ed intersettoriale verso una più efficace lettura del contesto urbano di riferimento.

Le attività realizzate e gli elementi emersi hanno costituito la base condivisa verso una piena corresponsabilità delle scelte e delle soluzioni adottate e hanno consentito di ottener il cofinanziamento per la costruzione della pista progettata".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.