24 maggio 2011 - Ravenna, Sport

Arrampicata sportiva, trionfa Alice Gianelli

Successi per l'atleta dell'Istrice

 





Da un anno, tutti all’Istrice Ravenna attendevano la gara dello scorso week-end a Sesto Val Pusteria e l’attesa è stata premiata: l’atleta più forte della società ravennate, la dodicenne Alice Gianelli, ha trionfato nel Campionato Italiano di Arrampicata Sportiva Under 14 aggiudicandosi il titolo di Campione Italiano nella combinata e nelle specialità di Boulder e Velocità e ottenendo il secondo posto nella gara di difficoltà.

Tre ori e un argento che confermano la grande tradizione della società Istrice soprattutto in campo femminile e che fanno ipotizzare per Alice anche la possibilità di indossare la maglia azzurra dal prossimo anno, una volta raggiunta l’età minima per le competizioni internazionali.

La competizione è iniziata bene fin da sabato, con le qualificazioni della velocità in cui Alice ha subito segnato il miglior tempo ed è continuata nella fase ad eliminazione diretta, in cui, una ad una, tutte le rivali sono state eliminate sempre con grande sicurezza; infine la finale con la torinese Ilaria Scolaris, rivale “storica”: la tensione è altissima, ma Alice non trema e si impone nettamente in entrambe le manche centrando il primo titolo tricolore della giornata.

Dopo circa un’ora inizia la prova di boulder, specialità preferita di Alice e anche qui l’atleta dell’Istrice appare sicura ed entra nella finale a sei con il secondo punteggio: la fase decisiva è equilibratissima, con due boulder impeccabili Alice riprende il comando della classifica ai danni dell’altra torinese Martina Giorello che nonostante un ultimo tentativo disperato non riesce più a rovesciare il risultato; arriva così il secondo titolo tricolore e con questo anche la grande euforia di tutta la squadra giallorossa, con in testa Emilio Borin che allena Alice già da diversi anni. 

Nella giornata di domenica si disputa la prova di difficoltà ed anche qui Alice è protagonista, giungendo in finale e chiudendo in testa anche questa appaiata ad altre due concorrenti: questa volta nello spareggio conclusivo è costretta ad “accontentarsi” del secondo posto, risultato di grandissimo livello che le consente di vincere anche la classifica combinata e di risultare sicuramente l’atleta con il maggiore potenziale fra quelle viste in gara; soddisfazione ancora maggiore per avere ottenuto queste vittorie in Alto Adige, che nell’immaginario collettivo è la patria dei grandi arrampicatori, mentre i nostri giovani climber stanno dimostrando che questo sport convive benissimo con le aree urbane e chi lo pratica in palestra ha spesso un livello tecnico superiore a chi arrampica in ambiente.

“Come è giusto - commenta la società - l’impresa di Alice non deve farci dimenticare gli altri risultati degli atleti ravennati, in particolare quelli di Cristian Chiozzotti, che si è piazzato quarto in combinata e in boulder e quinto in velocità. Bene anche Greta Pozzi al suo esordio in una competizione di questo livello, mentre Giulia Baldi e Francesca Vasi erano alla loro seconda partecipazione consecutiva”.

Ed ora, in attesa di festeggiare la vittoria di Alice, l’attenzione si sposta sul prossimo week-end quando a Verona si disputerà il Campionato Italiano per le categorie Under 20 in cui troveremo in gara Salvatore Murolo e Lorenzo Bellenzier, che non vorranno sicuramente essere da meno rispetto alla loro compagna di squadra. Ovviamente, in bocca al lupo da tutti gli Istrici ravennati.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.