17 novembre 2009 - Ravenna, Cultura

Sergio Zavoli dedica una poesia a Ravenna

Lo scrittore e giornalista presiede il Comitato per la candidatura a città europea della cultura

Come aveva anticipato al sindaco Fabrizio Matteucci e all’assessore alla Cultura Alberto Cassani, il Senatore Sergio Zavoli ha spedito via mail al primo cittadino la sua poesia dedicata alla città, spiega l’Amministrazione.
Matteucci e Cassani hanno incontrato Zavoli a Roma all’inizio della settimana scorsa. Obiettivo dell’incontro: fare il punto sulle iniziative da mettere in campo per la candidatura di Ravenna a Capitale europea della Cultura
 

Lo scrittore e giornalista Sergio Zavoli è stato indicato dall’Amministrazione comunale a presiedere il Comitato promotore che si riunirà per la prima volta all’inizio del 2010. Del Comitato saranno invitate a far parte tutte le istituzioni ravennati, la Regione Emilia Romagna, le associazioni di categoria oltre alle Fondazioni bancarie. Intanto il 12 dicembre, in occasione degli “stati generali” della cultura, le associazioni e istituzioni culturali cittadine saranno chiamate ad una prima riflessione comune sui temi della candidatura.
Ecco il testo della poesia.

A Ravenna

Ravenna, città d’acque, col tuo oro
disteso sul letto in cui galleggi,
le torri ancora in volo per Bisanzio,
i gialli fermi dentro le basiliche e un lucore
succhiato dai rosoni tra le nebbie.
Ravenna, che nelle prode celi i viaggi
dei barchini di frodo - sai che ci sono
dal fruscio delle canne - nei capanni sottratti
alla bassura raduni i pescatori spalancando
la porta con i piedi;
città sempre rinata dai tuoi roghi
(ogni volta salvavi colombe e mausolei,
santi e pinete) hai su di te l'attonito
celeste dei velari per simulare il cielo
nei teatri.
Ravenna, signora di una storia che difendi
con la mite grandezza del silenzio,
dentro il nobile ventre disseccato
sto con un po' di calce nei tuoi muri,
un filo d'erba nato in una crepa,
quasi un nido.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.