11 settembre 2009 - Ravenna, Cervia, Faenza, Lugo, Economia & Lavoro

Imprenditoria femminile, le strategie della Camera di Commercio

Nuove opportunità per le aziende. Incontro con Alvaro Ancisi, membro del Comitato delle Regioni Ue

Giovedì 10 settembre, il Comitato per la promozione dell'imprenditoria femminile della Camera di Commercio, presso la sede di Ravenna, ha incontrato il Consigliere del Comune di Ravenna Alvaro Ancisi; scopo dell'incontro è stato quello di scambiarsi reciprocamente esperienze ed opinioni su vari argomenti, tra cui pari opportunità ed imprenditoria femminile.

Hanno partecipato, oltre al Segretario Generale della Camera di Commercio Paola Morigi che ha introdotto i lavori, la Consigliera di parità della Provincia, Gisella Casali, e l'Assessore alle pari opportunità del Comune di Ravenna, Giovanna Piaia, che da tempo collaborano attivamente con il Comitato, apportando un utilissimo e prezioso contributo.
Il Consigliere Ancisi, grazie anche alla sua attività in qualità di membro del Comitato delle Regioni dell'Unione Europea, ha contribuito ad arricchire il panorama delle diverse esperienze in ambito europeo per quanto riguarda l'imprenditorialità femminile, mettendo in evidenza come ancora in questo campo resti ancora molto da fare per superare i fattori che dissuadono le donne dall'impiantare aziende; l'Unione Europea, gli Stati Membri, i territori e le istituzioni locali devono cercare di creare un ambiente favorevole in questo senso e per diffondere il più possibile la cultura delle pari opportunità.

Il Presidente del Comitato per la promozione dell'imprenditoria femminile, Fiorella Guerrini, ha riassunto l'attività svolta: costituito nel 1999, fin dall'inizio il Comitato si è posto come obiettivo lo sviluppo e la valorizzazione della componente femminile del mondo imprenditoriale, impegnandosi in iniziative finalizzate all’analisi ed all’informazione sulle opportunità imprenditoriali e finanziarie per le imprenditrici, all’attività di formazione, scambio di esperienze e best practices anche in ambito internazionale, alla promozione della cultura di impresa femminile, alla sensibilizzazione sui problemi di conciliazione tempi di vita e di lavoro. Inoltre, sono state realizzate manifestazioni e iniziative in collaborazione con enti istituzionali con i quali ha avviato un intenso scambio di relazioni; infatti altro obiettivo che il Comitato si è posto, è stato quello costruire sinergie tra gli attori coinvolti nella programmazione dello sviluppo economico, al fine di provare a migliorare la condizione delle donne che fanno impresa e qualificare il lavoro femminile, perchè alla base c'è la convinzione che il modo più efficace per promuovere un territorio così vario e ricco di risorse come quello della provincia di Ravenna sia quello di promuovere attività di sistema e trasversali, coinvolgendo cioè più settori e soggetti possibili.
Un esempio è l'adesione all' “Accordo per la costituzione del Tavolo Lavoro, Conciliazione, Salute delle Donne nel territorio ravennate”, sottoscritto anche da Provincia, Consigliere di Parità, Comune di Ravenna, Sindacati e Azienda USL.

Si auspica che il lavoro del Comitato, continuando con la fattiva collaborazione dell'Assessorato alle pari opportunità del Comune di Ravenna e della Consigliera di parità della Provincia, in futuro possa integrarsi maggiormente con altre importanti iniziative tese a contribuire allo sviluppo economico del nostro territorio.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.