30 novembre 2009 - Ravenna, Cervia, Faenza, Lugo, Cronaca

Attenzione alle mail che offrono guadagni facili

Il rischio è di cadere in un giro di riciclaggio di denaro sporco

Se i meccanismi del phishing sono ormai noti - si riceve una mail in cui le poste o l’istituto di credito chiedono di accedere al conto on line per i più svariati motivi. Ma i dati, anziché essere inseriti nel sito “giusto”, vengono inviati a malintenzionati attraverso un sito fotocopia -, la nuova frontiera della truffa informatica è ben più insidiosa. E prende gli utenti per la gola. Soprattutto in periodi di crisi, quando resistere a una mail che offre guadagni facili è ancora più difficile. Tuttavia, il rischio è di trovarsi imputati per riciclaggio in un processo penale. Una conseguenza non da poco che sta toccando anche molti ravennati che sono incappati in questa nuova insidia.
In questo caso si riceve una mail che offre un “lavoro” in cui si dovrà utilizzare il proprio conto on line, ricevendo una provvigione molto vantaggiosa. Chi aderisce riceve grosse somme che dovrà, poi, girare ad altri attraverso servizi di trasferimento di denaro non tracciabili, trattenendo l’8 per cento. In questo modo il denaro proveniente da operazioni illecite - compreso, magari, il tradizionale phishing - viene “ripulito”.
“Inconsapevolmente - ha spiegato Valerio Zannoni, comandante della polizia postale di Ravenna - il cittadino mette a disposizione il proprio conto per operazioni di riciclaggio. Un’attività che ci sta procurando molto lavoro”. E agli ignari riciclatori il compito di dimostrare la loro buona fede.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.