14 settembre 2009 - Ravenna

"Sbagliato risparmiare sul futuro del nostro Paese"

Giovani Democratici e Studenti medi spiegano i motivi dell'adesione alla manifestazione sindacale di domani

Federica Degli Esposti, segretario Giovani Democratici Federazione di Ravenna e Nicola Degli Esposti, coordinatore Rete Studenti Medi Emilia-Romagna intervengono sul tema della tutela della scuola pubblica.

"Nel bel mezzo di una crisi economica che non ha precedenti recenti per estensione e drammaticità, mentre Barack Obama sceglie di sfruttare la recessione per dar vita ad un’America più equa e fa dell’istruzione il perno per uscire dalla crisi, il governo italiano prende una strada molto diversa, mettendo mano al sistema scolastico e universitario con l’esclusiva volontà di risparmiare sul futuro del nostro paese.

Intervenire sulla scuola solo attraverso tagli mascherati da razionalizzazioni e senza un progetto educativo alle spalle significa minare dalle fondamenta la possibilità delle nuove generazioni di acquisire gli strumenti per esercitare liberamente la propria capacità critica e diventare cittadini consapevoli e responsabili.

In difesa di una scuola pubblica, inclusiva e laica, meritocratica e giusta, i Giovani Democratici e la Rete degli Studenti Medi aderiscono al Sit- In organizzato dalla FLC GCIL di Ravenna, partecipando numerosi nella convinzione che questa battaglia ha bisogno dell'impegno e del coinvolgimento di tutti, studenti, insegnanti, personale ATA, genitori e cittadini per tutelare quello che consideriamo un baluardo di democrazia".

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.