16 novembre 2011 - Ravenna, Economia & Lavoro

Pansac, "Le banche non sostengono il vecchio progetto industriale"

Oggi l'incontro al Ministero

In data odierna si è tenuto presso il MiSE un incontro utile a valutare la drammatica situazione che sta interessando gli 850 lavoratori della Pansac International e più nello specifico 65 lavoratori di Ravenna.
"Un incontro - spiegano i sindacati - che ha evidenziato l'indisponibilità da parte delle banche a sostenere il vecchio progetto industriale, ma pronte a verficare nuovi percorsi. Dopo ampia discussione le parti hanno concordato che il fallimento và evitato e in tal senso è stato ribadito l'orientamento da parte dell'azienda a non perseguire procedure liquidatorie".
"Nei prossimi giorni il confronto proseguirà per garantire il rilancio industriale del gruppo come segue: 1) ricorrere o all'amministrazione straordinaria o all'amministrazione concordata;  2) riavviare l'attività produttiva attraverso contatti in corso, con il conto lavorazione, l'affito o la cessione di ramo d'azienda; 3) garantire gli ammortizzatori sociali per tutti i lavoratori sino alla conclusione della vertenza; 4) prossimo incontro al MiSE previsto per il 29 novembre 2011. Ora è importante fare presto per riavviare l'attività negli stabilimenti ove possibile, per non perdere i clienti e per quel che riguarda Ravenna ci si dovrà attivare immediatamente per trovare acquirenti seri che siano interessati allo stabilimento e alle produzioni di Ravenna, per salvaguardare l'occupazione dei lavoratori e il futuro delle loro famiglie".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.