4 dicembre 2009 - Ravenna, Economia & Lavoro

La Cmc ad “Alta Velocità”

Domani l’inaugurazione della nuova tratta ferroviaria. La coop ravennate ha realizzato la Bologna-Firenze

“Momento decisivo per il trasporto ferroviario ad Alta Velocità/Alta Capacità”, commenta la Cmc. Domani 5 dicembre 2009 verrà inaugurato infatti, alla presenza dei maggiori rappresentanti delle istituzioni e del mondo politico e imprenditoriale italiano, il completamento dell’intero sistema: mille chilometri di linee veloci da nord a sud della penisola grazie all’apertura delle nuove linee Milano Novara e Bologna Firenze.

“Cmc festeggia questo passaggio grazie all’impegno profuso per la realizzazione della tratta Bologna Firenze, un segmento strategico della rete ferroviaria nazionale che concentra in poche decine di chilometri un grande numero di difficoltà.

La complessità geomorfologica del terreno da attraversare, unita alla presenza di gas e di forti quantità d'acqua hanno posto rilevanti problemi ingegneristici, trattandosi di un tratto per la massima parte realizzato in galleria.
Infatti lo sviluppo complessivo della tratta è di oltre 78 chilometri, 72 dei quali in sotterraneo per un totale di nove gallerie realizzate con scavo tradizionale.

Ricordiamo che Cmc, sempre nell’ambito dell’Alta Velocità, ha preso parte anche alla costruzione della tratta Milano Bologna con la realizzazione del lotto che attraversa tutto il territorio della provincia di Reggio Emilia e che comprende anche i tre ponti sospesi progettati dall’architetto Calatrava”.

“Siamo orgogliosi - ha affermato Dario Foschini, Amministratore Delegato di Cmc - di aver partecipato alla realizzazione della più importante opera infrastrutturale degli ultimi anni, dando il nostro contributo in tratte di particolare difficoltà tecnica ed operativa".
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.