5 gennaio 2012 - Ravenna, Politica

"Pediatria Faenza: la Conferenza Sanitaria svolga il proprio ruolo"

L'intervento di Gianfranco Spadoni (Udc)

"La strada intrapresa dal direttore generale dell’A.Usl di Ravenna per definire la questione dell’assistenza pediatrica nell’ospedale degli Infermi di Faenza, ripropone il consueto tema dei ruoli e delle funzioni in capo agli enti pubblici". L'intervento è del consigliere provinciale Udc Gianfranco Spadoni.

 

"In effetti - spiega Spadponi - se non si vuole incappare ancora in seri disservizi (per usare un eufemismo) come quello riferito alla Pediatria Manfreda, vanno rispolverate le normative in vigore e, soprattutto, doverosamente esercitate. Non ci si riferisce, infatti, alla facoltà offerta ai primi cittadini dei comuni e al presidente della provincia di intervenire sul tema della sanità, ma di un preciso obbligo derivato dalle disposizioni legislative dello Stato, di esercitare un preciso ruolo, tenendo conto che il primo responsabile della sanità pubblica è appunto il sindaco. In particolare una legge al riguardo stabilisce direttive inequivocabili proprio per non emarginare gli enti locali (comuni e provincie) dalla possibilità di concorrere alle scelte sanitarie attraverso l’opportuna introduzione di una forma di collegamento tra gli enti e la gestione propria dell’Azienda sanitaria, proprio per assicurare in questo modo il coinvolgimento diretto dei territori.

Si tratta, in definitiva, di corresponsabilità nelle condivisioni delle strategie sanitarie, ma addirittura anche nella fase di valutazione e di revoca del direttore generale, anche se quest’ultimo deve rispondere formalmente del suo operato, - dal raggiungimento degli obiettivi, al pareggio di bilancio e di tutta la parte della gestione, -  alla regione, responsabile della nomina del manager.

 

Proprio in seno alla Conferenza socio sanitaria territoriale, oggi presieduta dal numero uno della Provincia, Claudio Casadio e di cui fanno parte tutti i sindaci, va tracciata l’attività d’ indirizzo rispetto alla quale il direttore dell’azienda sanitaria deve dare conseguente  applicazione. In altre parole, dunque, se non si vuole ripetere un altro caso simile alla nota  “questione della pediatria di Faenza“ occorre che ogni consesso elettivo territoriale si riappropri di precise funzioni in materia socio sanitaria. Responsabilmente il direttore generale dell’A.Usl sta fronteggiando la delicata situazione faentina, ma in ogni modo è indispensabile che il presidente della Provincia nella sua qualità di primo responsabile della Conferenza sanitaria territoriale, svolga a pieno titolo la funzione attribuita dall’attuale legislazione".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019