9 dicembre 2009 - Ravenna, Economia & Lavoro

Cgil, scuola e funzione pubblica in sciopero

Manifestazione indetta venerdì prossimo. Pullman per Roma dalla provincia

La Flc Cgil e la Fp Cgil della provincia aderiscono allo sciopero generale nazionale della scuola e della funzione pubblica indetto per tutta la giornata dell'11 dicembre, comunica il sindacato.

“Il settore della scuola e della funzione pubblica interessano in Italia circa 3 milioni di lavoratori. Le manifestazioni a livello nazionale si terranno in città e momenti diversi.
Per il settore scuola partiranno per raggiungere la manifestazione nazionale in programma a Roma pullman da Ravenna, Lugo, Faenza e Cervia.

La Flc Cgil chiede a favore della scuola pubblica: la cancellazione dei tagli previsti nella legge 133/2008, risorse sufficienti ed adeguate per i rinnovi contrattuali, un piano pluriennale di assunzioni su tutti i posti liberi per docenti e Ata; il rinvio di un anno dell’applicazione degli schemi di regolamenti su istruzione tecnica, licei e istituti professionali, senza travolgere le classi successive alle prime, la conferma dei diritti contrattuali e delle rappresentanze nei luoghi di lavoro attaccati dal ‘Decreto Brunetta’".
 

"La Fp Cgil - continuano i rappresentanti dei lavoratori - ha invece organizzato diverse manifestazioni interregionali. Dalla provincia di Ravenna i pullman - in partenza da Ravenna, Lugo, Faenza e Cervia - si dirigeranno alla manifestazione in programma a Milano.

La Fp Cgil ha indetto lo sciopero per contrastare una legge finanziaria che non prevede i rinnovi dei contratti pubblici; contro il tagli del salario accessorio e le decurtazioni per assenza per malattia; per combattere la controriforma Brunetta che elimina i contratti nazionali e mortifica il lavoro, per chiedere la sua abrogazione; per il diritto al contratto nazionale e la stabilizzazione delle lavoratrici e dei lavoratori precari in tutti i comparti pubblici; per un incremento tabellare di 150 euro nel prossimo triennio; per sostenere il ruolo delle Rsu e rivendicarne la convocazione delle elezioni, per difendere la democrazia".
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.