22 febbraio 2012 - Ravenna, Eventi

Un lungometraggio per celebrare il "Giorno del ricordo"

“Esuli - Storie di profughi istriani, giuliani e dalmati giunti nella provincia di Ravenna” è il titolo del lungometraggio (65 minuti) che sarà proiettato dopodomani, venerdì 24 febbraio, alle 17 alla sala Nullo Baldini di via Guaccimanni 10, per celebrare il Giorno del Ricordo.
All’appuntamento, al quale interverranno le massime autorità cittadine, è invitata tutta la cittadinanza.
"La città di Ravenna - spiega il Comune -  ha sempre caratterizzato il 10 febbraio, Giorno del Ricordo, con iniziative scientifiche e didattiche. Per quest’anno è stato appositamente realizzato in dvd un lungometraggio con testimonianze dirette, curato dal giovane ricercatore lughese Michele Bentini per conto dell’Istituto storico della resistenza e dell’età contemporanea, con il patrocinio del Comune di Ravenna e della Provincia.
Mentre negli anni scorsi sono state proposte mostre a tema, presentazioni di libri e di unità didattiche, quest'anno, in accordo con l'Istituto storico è stata avviata, fin dall'estate scorsa, una campagna di interviste tese a registrare le storie di vita dei profughi che, in conseguenza dei nuovi confini decisi dagli accordi di pace con la Jugoslavia, giunsero nel Ravennate tra gli anni Quaranta e Cinquanta.
La Legge 30 marzo 2004 n°92 che istituisce il Giorno del Ricordo, oltre alle vittime delle foibe, prevede infatti che si ricordi l'esodo giuliano-dalmata, avvenuto in anni difficilissimi anche per il nostro Paese appena uscito dalla Seconda guerra mondiale.
Solitamente si fa riferimento per questo al doloroso abbandono di territori abitati da molti anni da italiani che, a causa di quella partenza, subirono un “deficit di cittadinanza” ancora dolente. Poco si sa delle vicende che seguirono e del difficile ritorno in Patria.
Poiché numerosi furono i nuclei familiari giunti e rimasti nella città di Ravenna, città che un tempo aveva solidissimi rapporti commerciali con la costa istriana e dalmata, si è pensato di dare voce a queste famiglie e di raccogliere le loro dirette testimonianze".

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.