23 febbraio 2012 - Ravenna, Sanità

Nelle farmacie ravennati un apparecchio per misurare l'apnea nel sonno

Un disturbo che colpisce il 4/7 per cento della popolazione italiana

E' stato presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa all’Oriente Expresso di via IV Novembre, il primo progetto di pre-screening sulle Osas (Apnee Ostruttive del Sonno) che partirà domani, venerdì 24 febbraio, in 7 farmacie pubbliche e private di Ravenna.

 

"Le Osas sono un disturbo respiratorio del sonno molto diffuso ed estremamente sottovalutato: si stima che ne soffra il 4/7 per cento della popolazione italiana. Un paziente con Osas può arrivare ad avere decine se non centinaia di micro-risvegli per notte, spesso inconsci, che gli impediscono di avere un riposo rigenerante e causano Eds (Eccessiva sonnolenza diurna) - spiegano gli organizzatori. Particolarmente soggette a questa patologia le persone in sovrappeso o con particolari morfologie facciali. Tra le sue conseguenze di lungo periodo c’è l’ipertentensione arteriosa, le ischemie cardiache e cerebrali, ma l’eccessiva sonnolenza diurna può chiaramente essere causa di incidenti, sia stradali che domestici.

La diffusione di questa patologia nella popolazione generale ne rende impossibile una campagna informativa su larga scala (che metterebbe in difficoltà il sistema sanitario nazionale con conseguenti liste d’attesa impossibili da gestire). Ed è per questo che nasce il Progetto Snor (Screening Nazionale Osas Russamento), un progetto-pilota che parte da Ravenna, ma poi si estenderà al territorio nazionale.

Attraverso un apparecchio messo gratuitamente a disposizione (che giocando sulla lettura in inglese del termine si chiama R.U. Sleeping), il paziente può misurare concretamente quanto e se soffre di apnee notturne. Nelle 7 farmacie coinvolte nel progetto infatti (le Comunali 8 e 2, Dradi, San Biagio, Farmacia Dell’Aquila, Del Portico e di Classe), i pazienti potranno trovare, oltre al materiale informativo, la consulenza dei farmacisti che gli spiegheranno come usare R.U. Sleeping durante il sonno notturno. Al risveglio, l’apparecchio segna quante apnee notturne all’ora ha registrato e se questo valore è preoccupante, dal farmacista potrà avere tutte le informazioni necessarie su dove svolgere esami più approfonditi per avere un’effettiva diagnosi di Osas".

 

“Le Apnee del sonno sono una condizione patologica - spiega il professor Giuseppe Plazzi, neurologo ed esperto di malattie del Sonno dell’Università di Bologna - che può avere conseguenze sulla vita delle persone anche molto gravi come incidenti stradali e domestici, fallimenti economici e matrimoniali e conseguenze dirette sull’organismo come infarti e ischemie cerebrali. Il trattamento d’eccellenza risolutivo nella gran parte dei casi è rappresentato dalla CPAP, un particolare apparecchio che induce una ventilazione positiva di aria che mantiene aperte le alte vie respiratorie. Altri trattamenti sono chirurgici o maxillofacciali e il dimagrimento talvolta aiuta. Le Osas, come le altre malattie del sonno poco conosciute. In Italia non sono nemmeno materia d’insegnamento nei corsi di laurea in Medicina ed è per questo che progetti come Snor sono così importanti per la loro emersione culturale”.

“Questo screening su base volontaria e gratuita - aggiunge Piero Gueltrini, coordinatore dei farmacisti che hanno aderito al progetto - permette, come ad esempio l’analisi della glicemia per il diabete, di avere una pre-diagnosi già in farmacia che può allertare medico e paziente. In un momento nel quale le risorse del Servizio Sanitario Nazionale sono sempre più scarse, la prevenzione primaria che si fa in farmacia può quindi diventare cruciale. E‘ un altro passo avanti verso un concetto di farmacia di servizi”.          

Tag: farmacie

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019