7 marzo 2012 - Ravenna, Arte

"Dietro il volto", ritratti di donna all'Urban Center

Un'esposizione fotografica dell'artista Rosetta Berardi

Verrà inaugurata domani, 8 marzo alle 17 all’Urban Center nella chiesa di San Domenico via Cavour 1 Ravenna, la mostra "Dietro il volto. L’universale mistero del velo", esposizione di opere fotografiche dell’artista ravennate Rosetta Berardi a cura di Serena Simoni e promossa dal Comune di Ravenna.
In mostra 25 opere fotografiche in grande formato e una installazione foto-scultorea. “Sono figure senza volto che sovrastano la scena, silenziose e ieratiche – afferma la Berardi – confinate su se stesse, evitano ogni contatto con l’esterno. Donne ritratte dentro la stessa aria che le sfiora. Esse sono lì in attesa. Prigioniere del proprio impalpabile confine.

La recente produzione di immagini fotografiche a grande formato dell’artista esposte in San Domenico, sono il risultato di un lavoro di anni sul tema del velo, che avvolge donne del presente e del passato, italiane e di altre culture. Partita da sè e da immagini riprese per caso in viaggio, l'artista ha rilevato una ricorrenza nel soggetto: donne riprese generalmente di schiena, tutte ammantate da un velo che si modifica per forme, colori e dimensioni diverse a seconda del luogo, del tempo, della funzione simbolica

Donne differenti, che vestono il velo in modo diverso e per vari motivi: costume, abitudine, scelta religiosa, appartenenza etnica. Sotto al velo sono milioni e solo incidentalmente si può comprendere con certezza il motivo della scelta o dell'obbligo che lo impone

Ciò che rimane universale è proprio il mistero delle vite di chi indossa il velo, una sorta di diaframma su cui è ben visibile la parola pubblica di chi è pro o contro, ma rimane invisibile quella privata e singola - magari felice - di ogni singola donna che lo veste.

Nata in Sicilia, nel 1962 Rosetta Berardi assieme alla famiglia, si trasferisce a Ravenna ed è qui che si attua la sua formazione artistica con un diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti di Ravenna e la laurea a Bologna in Storia dell’Arte Contemporanea (DAMS).
Come scrive Serena Simoni, Rosetta Berardi ha legato da anni il proprio lavoro artistico ad uno sguardo delicato e interrogativo sul genere femminile e sulla sua relazione con la storia, personale e collettiva. Si tratta di temi molto importanti, che ancora oggi sfuggono ad una parte considerevole di persone, comprese le prime protagoniste, le donne stesse

L’esposizione rimarrà aperta fino al 1° aprile 2012 osservando i seguenti orari: martedi, mercoledì, venerdì 10-13/16-19; sabato, domenica e festivi 10-19.
 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.