5 marzo 2012 - Ravenna, Politica

"Monitorare i depositi contro il riciclaggio di rame"

L'intervento di Gianluca Benzoni (LpRa)

"Il prezzo del rame è alle stelle, ed i furti del prezioso materiale hanno raggiunto livelli record, anche nella nostra città. Presi di mira stazioni ferroviarie, cavi dell'energia elettrica, abitazioni, enti pubblici, cimiteri, con impatti importanti sull’ economia e i servizi pubblici, spesso non coperti da assicurazione". L'intervento è di Gianluca Benzoni, esponente di Lista per Ravenna.

"Inutile ricordare - prosegue Benzoni - come questo metallo venga utilizzato in tutti i comparti della produzione locale come: l’edilizia, l’industria, l’elettrotecnica ecc. La sua capacità di essere riciclato al 100%, lo rende ambitissimo sul mercato clandestino arrivando a costare 7/10 euro al kg.

Per questo, come esponente di Lista per Ravenna, accolgo con favore l’iniziativa del Viminale di creare un Osservatorio Nazionale composto dall’Agenzia delle Dogane, Ferrovie dello Stato, Enel, Telecom e Anie, per arginare il fenomeno; ma ritengo sia doveroso inasprire le pene per coloro che si macchiano attualmente del solo 'reato di furto'.

Vista la difficoltà di cogliere sul fatto i ladri di rame, l’obiettivo auspicabile sarebbe quello di cercare di frenare il fenomeno contrastando il riciclaggio, perché chi ruba il rame è costretto a rivenderlo in tempi rapidi ai depositi.
Quindi l’unico e reale strumento necessario è colpire coloro che acquistano materiale di dubbia provenienza alimentando un mercato illecito, monitorando continuamente i depositi di materiale ferroso sul territorio e praticando controlli amministrativi a tappeto".
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.