18 dicembre 2009 - Ravenna, Cervia, Faenza, Lugo, Cronaca

L'Agcom ha dato ragione a XDome

La Rai dovrà rendere disponibile la smart card per i decoder "aperti"

La Rai sarà costretta a rendere disponibile la smart card per i programmi criptati su satellite in maniera disgiunta da qualsiasi tipo di decoder. La decisione è stata presa dall’Agcom, che durante l’istruttoria sul dossier “Tivùsat” ha ascoltato anche l’associazione Altroconsumo e XDome, la società italiana produttrice del solo decoder unico attualmente presente sul mercato, partecipata dalla ravennate Comex.
L’Agcom ha ritenuto che “la scelta iniziale della Rai di associare la distribuzione delle smart card alla vendita del decoder TivùSat limitasse la scelta da parte degli abbonati, garantita dall'articolo 31 del contratto di servizio, di poter associare la smart card con differenti apparati di ricezione. Questo anche nell'ottica di promuovere decoder aperti”.

Proprio su questo punto è risultata fondamentale l’audizione del presidente di Xdome Claudio Zannoni, che da tempo sosteneva il danno che questa scelta arrecava ai consumatori. Fino a qualche tempo fa, per ricevere il segnale satellitare e digitale terrestre era necessario utilizzare due apparecchiature diverse con tutti gli ingombri e la poca funzionalità del caso, dovuta anche all’utilizzo di due telecomandi. Con l’arrivo di Xdome Hd-1000Nc tutto si è semplificato e racchiuso in un solo decoder attraverso il quale si può accedere a più di 5.000 canali.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019