8 maggio 2012 - Ravenna, Sant'Agata, Cronaca

Il Billa diventa Conad

Due giovani ravennati raccolgono l'eredità che fu della Standa

Venerdì 11 maggio cambiano insegna i supermercati Billa di Ravenna e Sant'Agata sul Santerno. Sono due giovani soci Conad, i fratelli ravennati under 35 Sandro e Filippo Taroni, a raccogliere l'eredità che fu della storica marca Standa, rilevata nel 2001 e quindi tramutata di recente in Billa dalla multinazionale austriaca Rewe.

Il taglio del nastro del Conad Ravenna Centro di via Cesarea (angolo via Serra) avverrà alle 9 del mattino, alla presenza del Sindaco Fabrizio Matteucci e del vice presidente della Provincia Gianni Bessi. Alle 11,30 la cerimonia si sposterà al Conad Sant'Agata, in via San Vitale 3, dove interverrà il Sindaco della cittadina Luigi Antonio Amadei. A fare gli onori di casa saranno, in entrambe le occasioni, gli Amministratori Delegati di CIA-Conad, Vladimiro Cecchini e Luca Panzavolta.

 

Il cambio di insegna ha garantito l'occupazione di tutti e 40 i dipendenti dei due negozi, con l'impegno di incrementare ulteriormente la forza lavoro se le prospettive di crescita saranno rispettate. Il supermercato di Ravenna ha una superficie di 1.400 metri quadri e mette a disposizione dei clienti una cinquantina di posti auto gratuiti. Svolge orario continuato dalle 8 del mattino alle 21 tutti i giorni dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 13 la domenica. Di poco più piccolo il negozio di Sant'Agata, che si pone come obiettivo quello di diventare un punto di attrazione per tutti i paesi limitrofi. Gli orari di apertura vanno dalle 8 alle 20 durante la settimana, dalle 8,30 alle 12,30 la domenica. Entrambi sono dotati di pescheria.

I due negozi tornano a battere bandiera tricolore  grazie all'accordo che su scala nazionale ha comportato il passaggio di 43 negozi alla catena della margherita, salita in questo modo al 10,6% della quota di mercato italiana. Cinque i punti vendita Billa acquistati da CIA-Conad nell'area Romagna-Marche, con un investimento complessivo di circa 6 milioni di euro (18 incluso l'acquisto degli immobili). Rimini, Ancona e Pesaro le altre città interessate dal cambio di brand.

Salgono così a 50 i negozi in provincia di Ravenna associati a CIA-Conad, la cooperativa di dettaglianti del sistema nazionale Conad che lavora in Romagna, Friuli, Veneto e Marche. Otto i punti vendità nel capoluogo.

 

"A caratterizzare l'offerta, come sempre, saranno la cortesia del servizio, la qualità e l'assortimento dei prodotti freschi e dei prodotti a marchio Conad, tra i più apprezzati dai consumatori, spiegano gli Amministratori delegati di CIA-Conad, Vladimiro Cecchini e Luca Panzavolta. Siamo orgogliosi di avere potenziato la nostra offerta a Ravenna acquisendo una rete di supermercati che oltre a rappresentare un pezzo importante di storia del commercio italiano ha grandi potenzialità di sviluppo".
 

Tag: conadbilla

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.