30 dicembre 2009 - Ravenna, Cronaca

Matteucci: "I miei impegni per il 2010"

Il "decalogo" del sindaco. "La 'macchina' comunale sarà più veloce per i cittadini". Lavori pubblici contro la crisi

Dal sostegno alle famiglie in difficoltà alla lotta contro la burocrazia: il sindaco Fabrizio Matteucci ha illustrato oggi il suo “decalogo” per il 2010. Si tratta di impegni che toccano la vita della città sotto molti punti di vista. Entro la legislatura sarà pienamente operativo lo sportello unico per le imprese mentre, più in generale, si intende dare maggiore spazio ai giovani: una sorta di progressivo ricambio generazionale anche nei luoghi dove si decide.

“Quello che stiamo per salutare è stato un anno impegnativo, difficile - ha esordito il primo cittadino durante la conferenza stampa -. Solo chi è ricco e senza cuore può sostenere che gli effetti della crisi economica sono alle nostre spalle. Lavorare come noi ravennati sappiamo fare da sempre sarà la condizione per transitare senza troppi danni anche da questo periodo”.

Così, il primo degli impegni dell’Amministrazione “sarà aiutare le famiglie in difficoltà e supportare le aziende che soffrono per mancanza di finanziamenti. Per le famiglie è previsto un impegno straordinario di 1 milione di euro. Per quanto riguarda le imprese, incrementiamo di 100.000 euro il contributo del Comune ai Consorzi Fidi”.

Sul fronte dei lavori pubblici, paradossalmente una mano la darà la neve. Le centinaia di tonnellate di sale sparse sulle strade provocano danneggiamenti. Ciò, assieme ad altre opere, per esempio ai marciapiedi, “creerà lavoro per le piccole imprese locali con piccoli appalti per la manutenzione della città”. Lo stanziamento previsto è di 3 milioni di euro.

Nell’agenda del sindaco, anche i grandi progetti: dopo l’aggiornamento “di tutti gli strumenti urbanistici in due anni”, ora sta per decollare quello della Darsena di città.

Ancora, si intende agevolare e favorire “gli investimenti durevoli e utili a tutti. Al contrario diremo di no a quelli non rispettosi dell’ambiente e che privilegiano gli interessi di pochi”. Il riferimento positivo è al Parco Solare di Sant’Alberto, quello negativo alla centrale a biomasse di Mezzano. Il rigassificatore? “E’ stato l’ad Eni Paolo Scaroni a dire che non pensava nemmeno alla lontana di fare questi impianti in Italia… Purtroppo il circolo politico-mediatico è più forte della verità”.

Come accennato, tra le priorità c’è la velocizzazione della macchina amministrativa, “adeguandola ai tempi e alle esigenze dei cittadini, delle imprese. Competenza e onestà sono importanti. Ma lo è anche la velocità”.

Ecco gli altri punti focalizzati dal sindaco.
 

“Ravenna Capitale europea della cultura : questo sarà un anno di duro lavoro per poter preparare una seria candidatura.

Dal 1° febbraio entreranno in vigore le ordinanze antidroga e antialcol. Sono pensate per tutelare la salute dei ragazzi e coinvolgono tutta la città. Le ordinanze sono uno strumento, un faro che illumina la strada: nessuno potrà dire di non sapere e di non vedere. Ne stiamo accompagnando l’entrata in vigore delle con una campagna di informazione, che non finirà certo il primo febbraio. La cultura dello sballo si combatte con prevenzione, educazione e repressione. Il nostro sarà un impegno permanente.

Continueremo a lavorare perché le regole siano rispettate da tutti. Tutti i cittadini hanno eguali diritti, ma anche uguali doveri. Il tema del rispetto delle regole è la base per una comunità coesa e fraterna.

Da pochi giorni esiste un nuovo regolamento per empori e bar. Gli eccessi non saranno più consentiti.

La nostra città può contare su tanti giovani bravi e capaci. Su energie nuove che finora sono rimaste un po’ ai margini. Userò la mia funzione e la mia responsabilità per promuovere nuovi protagonisti della vita cittadina, a partire dai più giovani che lo meritano”.
(m.m.)

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.