30 dicembre 2009 - Ravenna, Economia & Lavoro

Trenta milioni per le imprese agroindustriali

Nuovi fondi dalla Regione. Serviranno a finanziare progetti già presentati

Trenta milioni in più per le imprese del comparto agroindustriale dell’Emilia-Romagna. Somma che deriva dalle recenti modifiche del Programma di sviluppo rurale, per il quale la dotazione finanziaria è aumentata di oltre 122 milioni.

Una quota di queste risorse aggiuntive, pari appunto a circa 30 milioni, è stata destinata a incrementare la "misura 123", finalizzata all’accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali e destinata a sostenere il sistema agroindustriale regionale. La Giunta regionale del 28 dicembre scorso ha deciso di destinare questi fondi al rifinanziamento delle graduatorie approvate a inizio anno in quanto le risorse iniziali messe a bando (pari a 30 milioni di euro) avevano permesso di finanziare solo il 25% delle 166 richieste ammissibili.

"Questa scelta - ha sottolineato l’assessore regionale all’Agricoltura Tiberio Rabboni - vuole dare innanzitutto una risposta alle numerose imprese che avevano aderito in modo significativo al bando e che non hanno potuto accedere agli aiuti pur avendo presentato progetti validi".

Nel dettaglio con i 30 milioni aggiuntivi, che saranno ripartiti tra i diversi settori produttivi, sarà possibile sostenere la realizzazione di altri 32 progetti di ammodernamento agroindustriale per un totale di investimenti, tra contributo pubblico e contributo privato, pari a oltre 90 milioni di euro.

(Nell'allegato le risorse ripartite tra i settori)

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.