30 dicembre 2009 - Ravenna, Cronaca

Case popolari, nuove regole

Saranno "premiati" gli anni di residenza, misure contro le frodi

“La mia Amministrazione - spiega il sindaco Fabrizio Matteucci - due anni fa ha introdotto un nuovo vincolo per poter partecipare all'assegnazione: essere residenti nel comune da non meno di due anni. Per i futuri bandi è mia intenzione introdurre ulteriori novità.

Assegnare un punteggio sulla base degli anni di residenza nel nostro comune e per “anzianità” di presenza nelle precedenti graduatorie.
 

Rafforzare i meccanismi contro i furbetti: ad esempio accertare che non ci siano falsi sfratti per acquisire punteggio. Per chi è già assegnatario di una casa popolare voglio introdurre norme più efficaci per far decadere chi non rispetta le regole: dal modo in cui gli appartamenti vengono tenuti ai rapporti di buon vicinato".
 

Attualmente, rileva il sindaco, l'89 per cento degli assegnatari è ravennate. "Gli asili nido? Manco morto - sottolinea - introdurrei liste separate".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.