21 settembre 2012 - Ravenna

I Savoia 'restaurati' al Mar

Nell'ambito delle Giornate Europee del Patrimonio

Gli obiettivi primari delle Giornate Europee del Patrimonio, 29-30 settembre, sono quelli di sensibilizzare i cittadini alla ricchezza e alla diversità culturale, creare un clima ideale per fare accettare il ricco mosaico delle culture europee, anche attraverso la presentazione di beni culturali inediti.

Il Museo d'Arte della Città, in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia, ha avviato insieme all'Ibc, Istituto Beni Culturali della Regione Emilia – Romagna, un progetto di restauro di tre tele. Le prime due raffiguranti Vittorio Emanuele II -  il re Galantuomo - re di Sardegna (1849-1861) e primo re d’Italia (1861-1878) sono state dipinte dal bolognese Andrea Besteghi, docente di pittura nella locale Accademia di Belle Arti. La terza tela, dedicata ad Umberto I (1844- 1900), il re Buono, è frutto del pennello del fiorentino Arturo Moradei, che diresse a lungo l’Accademia ravennate. Entrambi i sovrani visitarono la nostra città e i suoi principali monumenti. Vittorio Emanuele II il 2 ottobre 1860. A lui, dopo l’unificazione del Paese, la Municipalità intitolò la piazza centrale che divenne poi Piazza del Popolo dopo il referendum del 1946. Umberto I, invece, inaugurò a Ravenna, il 1° settembre 1888, il monumento ai Martiri dell’Indipendenza e ad Anita Garibaldi, di fronte all’attuale Liceo Classico Dante Alighieri.

Il progetto prevedeva che i tre quadri - la vicenda risorgimentale, di cui i Savoia sono stati coprotagonisti, ha cambiato il destino della nostra città, del nostro Paese e quello dell'Europa – una volta restaurati, avrebbero potuto arricchire il percorso espositivo del Museo del Risorgimento. E così è stato. Dopo oltre cent’anni le tre tele saranno nuovamente esposte al pubblico.

 

Ad illustrare il progetto - che nasce dall’idea di un patrimonio artistico condiviso tra istituzioni culturali - il restauro, visitare il nuovo allestimento e a far  riflettere sulle vicende che hanno portato all'unificazione del nostro Paese, sabato 29 settembre ore 10,30 Sala Muratori, Biblioteca Classense, Via Baccarini 5, interverranno: Giannantonio Mingozzi, vicesindaco del Comune di Ravenna e presidente della Fondazione Museo del Risorgimento; Uber Dondini, presidente del Mar; Antonio Patuelli, presidente onorario del Comitato per il Restauro delle Opere Risorgimentali; Nadia Ceroni, conservatore del Mar e responsabile del progetto; Adele Pompili, restauratrice; Angelo Varni, presidente dell’IBC, docente di storia del Risorgimento e curatore con R. Balzani del recente volume “ La Romagna nel Risorgimento”.
Presiederà Anna Puritani, direttore ad interim del Mar.Ha assicurato la sua presenza il prefetto Bruno Corda.

Per l’occasione, il Museo del Risorgimento sabato 29 e domenica 30 settembre resterà aperto dalle 10 alle 18, ad ingresso libero.

Tag: museo mar

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.