14 maggio 2013 - Ravenna, Cronaca

Crisi e suicidi, Equitalia ai funzionari: "i contribuenti vanno capiti ed aiutati"

La lettera dell'amministratore delegato Benedetto Minneo

Rafforzare il dialogo con i cittadini e valutare caso per caso, persona per persona, provando a trovare una soluzione anche nelle situazioni più critiche. Sono le riflessioni emerse nella lettera dell’amministratore delegato di Equitalia Spa Benedetto Mineo, inviata ai direttori generali, regionali e provinciali del gruppo a seguito del tentato suicidio di un imprenditore pugliese, 'salvato' da un esattore. Pubblichiamo il testo della lettera:

 

"Carissimi,

 

prendo spunto da un episodio di cronaca per richiamare la vostra attenzione su un tema, tanto terribile quanto delicato, con cui da tempo siamo chiamati a misurarci.

 

Il fatto: un piccolo imprenditore pugliese scrive alla Gazzetta del Mezzogiorno il proprio proposito di suicidarsi perché sommerso dai debiti, in particolare quelli verso lo Stato, che Equitalia è tenuta a riscuotere.

 

La lettera è stata pubblicata sabato 13 aprile e la nostra reazione non ha tenuto conto del weekend. Abbiamo chiamato il giornale, siamo risaliti all’indirizzo, un nostro funzionario si è messo subito in viaggio e ha raggiunto in casa l’autore della missiva. La cosa che più ci interessava, in quel momento, era stare vicino a quell’uomo affinché non si sentisse abbandonato dalle Istituzioni.

 

L’epilogo è noto ed è stato riportato, non senza enfasi, dallo stesso giornale: “La favola bella dell’esattore che salva l’imprenditore”.

 

L’episodio non costituisce, purtroppo, un caso isolato. Riflette anzi un disagio esteso, conseguenza diretta del perdurare della crisi e indotta dalla pressione mediatica intorno alla rappresentazione della stessa.

 

La mia riflessione, tuttavia, non è incentrata su questo ambito. Rapidità di risposta e attenzione al contribuente hanno fatto la differenza nel caso dell’imprenditore pugliese. E questo dimostra che, come sempre, il migliore sinonimo di servizio è proprio la relazione con le persone.

 

Siamo consapevoli che l’arrivo di una richiesta all’agente della riscossione, in un momento come quello che stiamo vivendo, possa infrangere equilibri già instabili e faccia emergere un sentimento di resa, poi di vergogna, che si traduce nell’incapacità stessa di chiedere aiuto.

 

Di fronte a queste situazioni non possiamo permetterci di commettere errori, o di avere un comportamento non adeguatamente orientato alla sensibilità che queste circostanze richiedono.

 

Questa consapevolezza non deve indurci a venire meno al rispetto delle funzioni che ci sono state assegnate, ma di proseguire sulla strada che, già dall’anno scorso, abbiamo aperto con l’introduzione in ogni provincia del cosiddetto “Sportello Amico”.

 

Il dialogo con i cittadini, soprattutto con le fasce più deboli, deve continuare ed essere rafforzato, per far sì che, sempre nel rispetto delle norme che vincolano la nostra attività, sia possibile valutare caso per caso, persona per persona, provando a trovare una soluzione anche nelle situazioni più critiche.

 

So bene che questo è già nella quotidianità delle azioni di molti di voi. L’ho potuto verificare direttamente attraverso le testimonianze che ho raccolto negli incontri con le strutture regionali e provinciali.

 

Quello che voglio dirvi è di proseguire con forza in questa direzione. Dobbiamo continuare. In silenzio e senza vantarcene, come è giusto che sia, perché è proprio dalla moltiplicazione di questo  modo di essere  che possiamo provare a far cambiare opinione su di noi.

 

Ancora di più, possiamo vedere riconosciuto il nostro lavoro al servizio di un Paese che vogliamo più giusto, la nostra professionalità, l’imparzialità nel rispetto delle leggi e, non ultima, la nostra umanità.

Grazie e buon lavoro.

 

Benedetto Mineo

Amministratore Delegato – Equitalia Spa

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.