12 giugno 2013 - Ravenna, Cervia, Faenza, Lugo, Cronaca

Maturità 2013, sui banchi 2288 studenti ravennati

La prima prova mercoledì 19 giugno

Saranno 2288 gli studenti delle scuole superiori di Ravenna e provincia pronti a tornare sui banchi per l’esame di maturità 2013, su un totale di circa 30mila in tutta la regione.
E’ questo il dato che emerge dal quadro diffuso dall’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna che comprende tutti gli alunni iscritti alle classi quinte delle scuole statali e paritarie e i privatisti.
“Pur tenendo conto che gli scrutini in molte scuole sono attualmente in corso, è già possibile scattare una prima fotografia del numero di ragazzi chiamati a sostenere l’esame di stato” spiega l’Ufficio Scolastico Regionale.
In provincia di Ravenna i maturandi 'interni' delle scuole statali e paritarie saranno 2212 (2150 statali, 62 paritarie), contro i 76 privatisti.
In regione saranno complessivamente 29.867 gli alunni pronti alle prese con l’esame di stato. Il 37.7% di questi appartiene ai licei, il 39.3% agli istituti tecnici, il 19.6% ai professionali e il 3.4% agli istituti artistici.
I numeri più alti si registrano a Bologna e a Modena, rispettivamente con 6.147 e 5.063 alunni coinvolti. Saranno invece 711 le commissioni esaminatrici impegnate negli esami di stato, 144 di queste opereranno nel capoluogo.

Gli esami prenderanno il via il 19 giugno con la prova scritta di italiano.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.