3 luglio 2013 - Ravenna, Cronaca, Politica

Classe, quasi 500 cittadini firmano una petizione per i parcheggi

Il problema riguarda la nuova lottizzazione su via Goetz

Sono 488 i cittadini che hanno sottoscritto la petizione, depositata il 20 giugno scorso in Comune, riguardante i problemi di parcheggio degli autoveicoli nella zona della nuova lottizzazione a Classe, consistente in 131 unità abitative, tra le vie Classense e Romea Vecchia, a lato di via Goetz.

Il documento, primo firmatario Vincenzo Carpano, ha avuto origine dalla constatazione dell’insufficienza dei parcheggi esistenti nella zona in relazione al numero dei lotti abitativi e dei residenti. 

A sostenere la petizione anche Lista per Ravenna: "la richiesta - spiega il capogruppo Alvaro Ancisi - è di istituire sulla via Goetz un senso unico di marcia al posto dell’attuale doppio senso. Non esistono controindicazioni per la circolazione, dato che questa strada è riservata ad un traffico di modesta entità, limitato agli stessi residenti o loro visitatori. Il traffico in entrata ed uscita verso e dalla località di Classe passa, infatti, all’esterno della lottizzazione sulle vie Classense e Romea Vecchia.

La modifica, che non comporterebbe alcun costo per le casse comunali, permetterebbe la creazione di nuovi stalli per il parcheggio a lato della strada, in aggiunta agli appena 19 esistenti e ai 14 disponibili nella vicina piazzola situata nei pressi del passaggio livello.
"Da una verifica da noi compiuta- conclude Ancisi - non esisterebbero impedimenti di natura tecnica all’accoglimento della petizione, anche perché la lottizzazione su via Goetz è isolata dal contesto della circolazione stradale urbana. Essendo praticamente a costo zero, merita, a nostro giudizio, di essere accolta positivamente dalla Giunta comunale".
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.