23 settembre 2009 - Ravenna

Un fondo per i lavoratori colpiti dalla crisi

I disoccupati potranno godere di un contributo mensile

Un fondo da 133mila euro per sostenere i lavoratori colpiti dalla crisi e rimasti senza lavoro (500 persone). La delibera di costituzione è stata votata all’unanimità dal consiglio comunale nella sedutà di lunedì e segue l’accordo siglato dall’amministrazione comunale con i sindacati il 29 luglio.

L’assessore ai Servizi sociali, Pericle Stoppa, ha spiegato che l’assegnazione dei contributi avverrà sulla base di due graduatorie, una relativa ai lavoratori disoccupati senza alcuna copertura e l’altra relativa ai lavoratori disoccupati ma che fruiscono di una copertura o impiegati ad orario ridotto. Ai collocati nella prima graduatoria verrà corrisposto, secondo l’ordine di posizionamento e sino a disponibilità del fondo, un contributo mensile di 200 euro per massimo sei mesi; a quelli nella seconda un contributo mensile di 50 euro per massimo sei mesi.
Stoppa ha anche precisato che si tratta di “una misura straordinaria e sperimentale. Il bando e le relative condizioni potranno essere migliorati l’anno prossimo, visto che sicuramente ripeteremo l’iniziativa”. Inoltre, parlando del fondo di quest’anno, Stoppa ha ribadito che “non resterà bloccato a 133mila euro. Sappiamo già per certo che ci saranno fondi regionali con cui rimpinguarlo”.
Per dare un'idea della crisi, l'assessore ha fornito anche il numero dei cassintegrati, che sono 2.205 nel comune e 20mila in provincia.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.