4 novembre 2013 - Ravenna, Cervia, Faenza, Lugo, Cronaca

Meteo, i grandi inverni della Romagna raccolti in un volume

Un'opera del metereologo Pierluigi Randi e di Roberto Ghiselli

"Ma davvero tanto tempo fa gli inverni erano più rigidi e nevosi rispetto a quelli attuali?". A questo ed altri quesiti risponderà il volume 'I grandi inverni dal 1880 in Romagna e province di Bologna e Ferrara', un libro unico nel proprio genere, da molto tempo atteso dagli appassionati di meteorologia e climatologia ma di sicuro interesse anche per una platea ben più vasta.

Curato da Pierluigi Randi e Roberto Ghiselli, appena pubblicato da An.Walberti editore con prefazione del colonnello Mario Giuliacci, verrà presentato per la prima volta a Bagnacavallo, in una serata patrocinata dal Comune, giovedì 14 novembre.
Dalle 21 in poi, presso la sala Oriani del convento di San Francesco di via Cadorna, i due autori presenteranno il loro libro che in 500 pagine racconta la storia, documentata con dati e immagini, delle più grandi nevicate e ondate di gelo avvenute in Romagna e nelle adiacenti aree del Bolognese e Ferrarese, dal 1880 ad oggi, con particolare riguardo agli storici eventi del 1929, del 1956, del 1985 e del 2012.

"Si tratta - spiegano i curatori - di una pubblicazione di carattere divulgativo ma con forte impronta scientifica, pensata non soltanto per gli appassionati di meteorologia, ma anche per quanti desiderano allenare la memoria o rispolverare ricordi recenti o remoti, indissolubilmente legati ai memorabili eventi meteoclimatici descritti nel libro anche con l'ausilio di molte immagini e carte sinottiche". Durante la presentazione, il discorso si allargherà alla più ampia questione dei cambiamenti climatici in atto, e ci sarà spazio per interventi del pubblico.

Il volume di Randi e Ghiselli propone innanzitutto un resoconto di ciò che gli inverni più crudi, dalla fine dell’ottocento a oggi, significarono per la Romagna, non soltanto sotto il profilo meteorologico e climatologico, ma anche in relazione a note di costume, cronache dell’epoca, immagini, commenti e confronti tra i diversi periodi storici.
"Pur nel contesto climatico attuale indirizzato al riscaldamento globale - spiegano gli autori - non mancano di tanto in tanto invernate coi 'fiocchi'; anzi a partire dagli anni duemila si è manifestato un aumento della nevosità media, sia in pianura che sui rilievi, dopo i minimi storici toccati negli anni novanta, sebbene questo aspetto possa rappresentare una diversa faccia della stessa medaglia".

La storia meteoclimatologica dell'Emilia-Romagna è ricca di eventi invernali di notevole rilievo, particolarità caratteristica delle aree contraddistinte da un tipo di clima temperato sub-continentale (coste dell’alto Adriatico e Romagna centro-orientale) o temperato continentale (Emilia e Romagna occidentale), vale a dire con estati molto calde e afose, e inverni rigidi con freddo umido e talora nevosi. Pertanto il materiale cui attingere risultava assai vasto. Tuttavia gli autori hanno seguito un criterio logico che li ha portati a trattare in modo più ampio quattro eventi principali, ognuno dei quali costituisce un capitolo: inverno 1928-1929, febbraio 1956, gennaio 1985 e febbraio 2012, ritenuti i più importanti dal 1900 per intensità dei fenomeni, rigori termici raggiunti e soprattutto per la notevole estensione geografica delle aree interessate.

Un capitolo a parte è dedicato agli inverni di fine ottocento, la lettura dei quali riserverà molte sorprese, soprattutto agli appassionati di meteorologia, così come un altro capitolo è dedicato agli eventi meno importanti ma ugualmente severi dal 1900 a oggi. Un ultimo capitolo è riservato ai cosiddetti episodi “minori” relativi al medesimo periodo.
Va sottolineato infine che gli autori hanno deciso di allargare la “finestra” di indagine anche al Bolognese e al Ferrarese che presentano, pur con le inevitabili diversificazioni, sostanziali analogie con il territorio romagnolo in tema di eventi invernali caratterizzati da forti ondate di neve e gelo, mentre le differenziazioni diventano sempre più ampie mano a mano che si procede verso l’Emilia occidentale soprattutto in merito alle dinamiche che conducono a nevicate importanti, la cui climatologia è nettamente diversa rispetto al comparto romagnolo.

I grandi inverni dal 1880 in Romagna e province di Bologna e Ferrara, stampato in 500 copie da An.Walberti editore (Lugo), è acquistabile sia presso l'editore che rivolgendosi direttamente agli autori al costo di 20 euro.

Alfonsinese residente a Bagnacavallo, socio Smi (Società Meteorologica Italiana), Pierluigi Randi è previsore e responsabile area climatologia, agrometeorologia e dati MeteoCenter s.r.l. Collaboratore Eswd (European Severe Weather Database) e Centro Epson Meteo Milano, è inoltre responsabile del Thunderstorm Team MeteoNetWork, previsore di MeteoRomagna, gestore della stazione meccanica Arpa-Simc di Alfonsine, divulgatore e coautore del libro Temporali e Tornado (Alpha Test editore, I e II edizione).

Voltanese, socio Smi, profondo conoscitore del clima regionale, Roberto Ghiselli è proprietario e curatore di una vasta biblioteca storica e collaboratore fin dagli albori di MeteoCenter/MeteoRomagna dove è responsabile dell’aggiornamento e della manutenzione dell'archivio dati storici e coordinatore dei rapporti con la stampa. Gestore della stazione meccanica Arpa-Simc di Voltana, è infine divulgatore e assistente-relatore per attività didattica.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.