12 novembre 2013 - Ravenna, Cronaca

"Colpo di grazia agli autocostruttori di Filetto"

Ancisi: "Il Comune si riprende il terreno ma la coop Mani Unite non ha colpe"

 

"Ai 14 autocostruttori di Filetto il Comune di Ravenna ha appena sparato il colpo di grazia", commenta in una nota Alvaro Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna in Consiglio comunale. "La dirigente comunale dell’ERP - continua Ancisi - ha firmato e notificherà alla coop. Mani Unite, in cui essi si sono costituiti, la decadenza totale del diritto di superficie sul terreno comunale loro concesso nel 2006 per 99 anni. Dunque, il Comune si riprende il terreno e diventa proprietario delle due palazzine grezze da loro edificate con oltre 21.000 ore del proprio lavoro e pagate coi loro soldi. Il Comune li accusa di aver violato il contratto perché non hanno ultimato la costruzione entro il 16 luglio 2012, ultima proroga concessa dal sindaco". Come evidenzia il consigliere comunale, "per l’'esproprio' degli edifici, la dirigente quantificherà, con un atto successivo, il corrispettivo dovuto agli autocostruttori sulla base dei criteri e delle penalità stabiliti nel contratto. Ufficiosamente valutabile in 780 mila euro circa, non ne vedranno però un centesimo. È scritto infatti nell’atto che, siccome 'per realizzare gli alloggi in questione la Coop. Mani Unite ha ottenuto da Banca Popolare Etica…una linea di credito con garanzia ipotecaria, linea di credito che è stata utilizzata da Coop. Mani Unite ma che poi quest’ultima non ha interamente rimborsato a Banca Etica…, dal corrispettivo in argomento si dovrà sottrarre ‘la quota di mutuo non ancora estinta, salvo i maggiori danni eventualmente dovuti’. Il fido è stato all’incirca di un milione e 250 mila euro. Al termine dei lavori, fissato al massimo in tre anni, il prestito si sarebbe trasformato in un mutuo, che i singoli proprietari degli alloggi autocostruiti avrebbero rimborsato con rate mensili da circa 500 euro. Dal blocco dei lavori, avvenuto, dopo alcune sospensioni premonitrici, nel 2009, e nonostante i rimborsi parziali del debito compiuti dagli autocostruttori, gli interessi hanno fatto lievitare oltremodo, in misura non pubblicizzata, il passivo degli autocostruttori nei confronti di Banca Etica, che però si “accontenterebbe” dei  780 mila euro di cui sopra".

 

Gli autocostruttori, rileva ancora Ancisi, non hanno alcuna colpa. “Il progetto dell’autocostruzione non se lo sono inventati loro, ma il Comune stesso, con atti di dominio pubblico che ne hanno fissato le regole e i meccanismi, affidandone la gestione all’associazione Alisei. Gli autocostruttori, metà italiani metà immigrati, scelti con un bando pubblico dal Comune tra le famiglie a basso reddito, hanno rispettato le regole fissate, prestando ciascuno 1.500 ore (e andando anche molte oltre) di egregio lavoro e affidando i soldi del prestito contratto con Banca Etica ad Alisei, ora nella forma di società srl, perché sovrintendesse tecnicamente ai lavori e fornisse i materiali e i lavori specializzati necessari. Finite le murature, il resto (impianti, intonaco, pavimenti, rivestimenti, infissi, fognatura, ecc.) è saltato in aria fin dal 2009”. Poi nel 2010 Alisei è fallita. “Le due palazzine grezze, col tetto incompiuto, sono finite in malora, devastate e depredate in tutto, con enorme deprezzamento di valore, al punto che oggi servirebbe un milione di euro per riprendere e completare i lavori.

 

Per attribuire “le colpe” di tanto sfacelo, il contratto di concessione dev’essere valutato congiuntamente al protocollo d’intesa del dicembre 2003 tra il Comune ed Alisei, approvato in consiglio comunale, di cui costituisce parte integrante. Tale protocollo ha posto a carico del Comune degli impegni, tra cui di “dare periodicamente informazione sull’andamento del progetto alla Commissione consiliare di riferimento” (mai fatto) e soprattutto di “sovrintendere, coordinare e vigilare in tutte le fasi la corretta attuazione del progetto di autocostruzione”. "Essendo stato a fianco degli autocostruttori" "fin dalle prime pesanti avvisaglie", posso dimostrare "in qualsiasi sede a cui essi intendano ricorrere, stragiudiziaria (arbitrato) o giudiziaria (al TAR contro la decadenza della concessione e/o al Tribunale civile per la rifusione dei danni, senza escludere la sede penale), che questo impegno è stato disatteso gravemente e infelicemente". 

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Global Ports Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2017