21 febbraio 2014 - Ravenna, Faenza, Spettacoli

Dal Mei di Faenza al Festival, boom di artisti 'indie' a Sanremo

In finale tra le nuove proposte Zippa, Diodato e The Niro

Dal Mei di Faenza al festival di Sanremo. Le ultime edizioni della kermesse canora più famosa d'Italia hanno confermato la centralità della scena indipendente italiana nel futuro della musica del paese e il ruolo della manifestazione faentina come incubatore delle nuove proposte che arrivano poi al grande successo nazionale. 

Alla finale delle nuove proposte di Sanremo sono arrivati Zibba, Diodato, The Niro e Rocco Hunt.

 

Il primo, Zibba, cantautore ligure, una presenza stabile al Mei fin dalle sue prime edizioni, ha presentato a Milano una decina di anni fa il Mei con i suoi Almalibre, ha scritto canzoni durante il Mei all’Osteria della Sghisa del compianto Valter Dal Pane, tanto da partecipare al progetto del Collettivo Dal Pane, ha vinto il premio Indie Music Like del Mei a Casa Sanremo come l’artista indies piu’ programmato nel mondo delle web radio del circuito Mei, mentre il secondo, di origine tarantina, ha presentato i suoi lavori al Mei, ed è supportato dalla Etnagigante, etichetta indies di Roy Paci di stanza per dieci anni a Faenza, al Mei, all’Osteria della Sghisa e “guida spirituale” del progetto del Collettivo Dal Pane. Infine, il cantautore romano The Niro, è stato vincitore al Mei di un premio come album d’esordio nel 2007.

Tra le nuove proposte escluse anche Filippo Graziani, presente al Mei nel 2010 per lanciare con Pepi Morgia il suo progetto Viaggi e Intemperie, legato alla reinterpretazione dei brani del compianto padre Ivan, e premiato al Museo Internazionale delle Ceramiche nel cartellone estivo del Mei, come Zibba l’anno precedente.

Tra i big artisti come Frankie Hi Nrg, Riccardo Sinigallia, Perturbazione, Francesco Sarcina fino a Cristiano De Andrè furono presenti a diverse edizioni del Mei.

 

"E’ venuto il tempo, - spiegano gli organizzatori - visto che quest’anno il Mei celebra i 20 anni di attivita’ e si sono celebrati i 50 anni di musica indipendente in Italia, di far fare un salto di qualita’ alla manifestazione puntando come enti territoriali a una forte presenza Rai, a una forte presenza istituzionale e di mercato legato alle istituzioni forti e ai grandi sostenitori dell’innovazione, a una forte presenza straniera e a iniziative durante tutto l’anno che valorizzino sul territorio questa positiva esperienza incrociandola con le altrea realta’ culturali per farla diventare una piattaforma di lancio del talento del territorio e del territorio stesso dal punto di vista econmico e turistico in maniera ancora piu’ forte e significativa puntando ad una maggiore programmazione e istituzionalizzazione".

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019