10 febbraio 2010 - Ravenna, Cervia, Faenza, Lugo, Cronaca

La Polizia provinciale a tutela dell'ambiente

Presentato il bilancio delle attività 2009 del Corpo, attivo in molti ambiti

La Polizia Provinciale traccia il bilancio dell'anno appena trascorso, caratterizzato da un'intensa attività in vari ambiti. Il resoconto delle attività del Corpo è stato illustrato questa mattina dal presidente della Provincia, Francesco Giangrandi, dal dirigente incaricato, Oscar Manzelli e dal comandante Lorenza Mazzotti.

“Nel corso degli anni - ha detto Giangrandi - il Corpo è cresciuto sia numericamente che qualitativamente per garantire la sicurezza sul territorio. Nelle nostre aspettative, patto di stabilità e altro permettendo, il Corpo dovrà ancora crescere, così come crescono le competenze che deve esprimere a seconda delle aree di intervento”.

Nell’anno 2009 il personale del Corpo di Polizia Provinciale - l’organico è costituito dal comandante 6 ispettori e 19 agenti - ha svolto complessivamente 35.298 ore di attività con 1.358 pattuglie, spiega la Provincia.

Quasi l’80 per cento del lavoro è stato assorbito dalle attività di polizia ambientale, con particolare riguardo alle zone sottoposte a vincoli, ai parchi e zone protette, alle attività estrattive e controllo trasporto rifiuti e denunce per discariche abusive; polizia ittico- venatoria, principalmente nel periodo settembre – gennaio, con il controllo di oltre 1.346 persone e 37 automezzi, 10 le notizie di reato trasmesse alla Procura della Repubblica, oltre 100 i sopralluoghi agli appostamenti fissi per verificare l’esistenza delle condizioni per il rilascio delle autorizzazioni; di polizia stradale, principalmente negli 815 chilometri delle rete viaria provinciale e nei 150 di strade ex statali, con il controllo di oltre 4.000 persone e mezzi , 2.223 verbali, con 22 notizie di reato per guida in stato di ebbrezza.

Nel corso di questi controlli è stato verificato con test qualitativi il livello di alcol nel sangue di oltre 550 conducenti. E, inoltre , di polizia amministrativa per il coordinamento delle attività e degli atti . Le rimanenti ore sono state dedicate alle attività istituzionali e organizzativo - gestionali:polizia giudiziaria,scorta al gonfalone, esercitazioni di tiro, formazione professionale.
Anche l’educazione alla sicurezza nelle scuole ha impegnato gli agenti: progetto etilometro – 25 interventi,608 ragazzi in 7 istituti; educazione ambientale: 53 interventi, 2.302 ragazzi in 21 istituti;patentino ciclomotore:26 interventi, 355 ragazzi in 8 istituti.

Nel 2009 il Corpo di Polizia Provinciale ha raggiunto gli standard previsti dalla legge regionale per le polizie locali che prevedono: dotazione organica adeguata, orario di servizio mensile non inferiore a 12 ore giornaliere e presenza della centrale operativa.
La Regione ha approvato il progetto – finanziato con 40mila euro - che si realizzerà quest’anno, finalizzato alla realizzazione di azioni di contrasto alla guida in stato di ebbrezza.
Nel corso del 2010 verranno approvate le convenzioni con le associazioni delle guardie volontarie per l’ attuazione di servivi di vigilanza faunistico-venatoria , così come deciso nel regolamento recentemente approvato dal consiglio provinciale.

Tutta l’attività del Corpo viene svolta in stretta collaborazione con le altre Forze dell’Ordine e con il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.