13 maggio 2014 - Ravenna, Eventi

Aleida Guevara March: “Vi racconto la nostra rivoluzione”

La figlia del Che a Ravenna nella Sala D’Attorre

Platea piena e moltissimi posti in piedi, ieri sera alla Sala D’Attorre, dove si è tenuto un incontro-conferenza con il medico e attivista Aleida Guevara March, figlia di Ernesto Che Guevara, nata dal secondo matrimonio con la rivoluzionaria e politica cubana Aleida March.
Il pubblico, piuttosto eterogeneo per età, ha salutato con entusiasmo e calore la donna, che oggi porta nelle sue conferenze in giro per il mondo quanto ha ricevuto in eredità del pensiero del rivoluzionario cubano. Accanto a lei, Adelmo Cervi, figlio di Aldo Cervi, fucilato nel 1943 insieme ai suoi 6 fratelli nel poligono di tiro di Reggio Emilia ad opera dei Fascisti, e Carlo Boldrini, figlio del partigiano Arrigo Boldrini, detto Bulow. L’incontro è stato organizzato dall’Associazione nazionale di amicizia Italia-Cuba, Circolo della provincia di Ravenna Vilma Espìn.

 

Tra i temi toccati da Aleida Guevara, pediatra e allergologa all’Ospedale Pediatrico di La Havana e attivista per i diritti umani, i progressi sociali di Cuba, le difficoltà dell’embargo, i progetti per il futuro del paese.

“Chi non conosce Cuba, spesso può essere ‘ingannato’ da un’informazione pilotata e non vedere quanto di buono e di positivo è nato e continua a nascere in questi anni nel suo territorio – ha spiegato la Guevara March – Nel 1959 Cuba era afflitta da un analfabetismo che toccava il 50% della popolazione, la mortalità infantile era pari al 60‰ e l’aspettativa di vita non arrivava a 60 anni. Oggi la popolazione è alfabetizzata per il 96% e abbiamo un medico ogni 137 abitanti, le aspettative di vita e di una buona vita sono salite vertiginosamente”.

 

Nonostante il quadro rassicurante la spina nel fianco dell’embargo, imposto dagli Stati Uniti d’America dopo la rivoluzione castrista, continua a farsi dolorosamente sentire. A questo proposito l’attivista ha commentato: “Vivere la quotidianità con la presenza dell’embargo è molto difficile. Basti pensare alle cose più semplici, come il latte in polvere, di cui c’è molto bisogno per i bambini e gli anziani. A Cuba non abbiamo molte mucche, invece ci sono paesi come la Germania, che hanno un surplus di questo prodotto e lo buttano via per non far sì che il prezzo si abbassi. Fa rabbia pensare che la Germania non possa commerciare quel latte con noi a causa delle leggi dell’embargo. Questo blocco tocca in particolar modo alimenti e medicine – continua la Guevara March - ciò provoca grandi problemi alla popolazione cubana. E quando un bambino non può essere curato perché la medicina che gli servirebbe è negli Stati Uniti, il dolore è forte”.

 

Sulla legge per gli investimenti stranieri nel paese da poco approvata, ha spiegato: “È una legge che ha fatto molto scalpore, ma non è nuova. Era stata già introdotta nel 1991: oggi è stata semplicemente ampliata – Poi precisa – Vorrei sottolineare che la terra cubana non si vende, perché è proprietà del suo popolo. Si possono fare investimenti nel paese, ma sempre nel rispetto della sovranità dei cubani”.

 

Poi conclude: “La rivoluzione cubana non è perfetta, ci sono degli errori a cui far fronte, ma solo noi possiamo risolverli. Ora Stiamo vivendo un momento particolare nel paese: abbiamo ottenuto cose importanti e soprattutto stiamo lavorando all’integrazione latino americana, grande sogno di molti uomini e donne del continente latino. Gli Stati Uniti non vivono tranquillamente ciò che accade e stanno già mettendo in campo delle azioni per fermare il processo. La prima azione e la più pesante al momento è la disinformazione: Questo è uno dei flagelli più grossi dell’umanità, perché se le informazioni non sono giuste non c’è possibilità di reagire”.
 

Ca. Nar.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.