25 settembre 2009 - Ravenna, Cronaca

Controlli della Pm: smascherata agenzia immobiliare irregolare

Il titolare non era iscritto nel ruolo degli agenti

Controlli mirati della Polizia Municipale a Lido Adriano hanno permesso di sanzionare il titolare di un’agenzia immobiliare ravennate. L’uomo stipulava contratti d’affitto senza essere iscritto nel ruolo degli agenti di affari in mediazione alla Camera di Commercio. Dovrà, quindi, pagare la somma di 5 mila euro.

Gli agenti dell’Aliquota Polizia giudiziaria della Pm - si occupano, tra le altre cose, di verificare la regolarità delle residenze negli stabili siti sul territorio comunale - avevano intensificato, alcuni giorni fa, i controlli in alcuni appartamenti di Lido Adriano, con l'intento di verificare eventuali presenze irregolari.

Sotto questo profilo, le verifiche non hanno portato a riscontrare anomalie.
Non è però passata inosservata agli agenti la serie di errori presenti in un contratto d’affitto sottoscritto da una cittadina straniera residente, appunto, a Lido Adriano.

Tali stranezze del documento, stipulato da un’agenzia immobiliare con sede in centro storico a Ravenna, hanno insospettito il personale della Polizia municipale.
I controlli incrociati, effettuati sia nei confronti della regolarità della domanda di residenza sia nei confronti del contratto d’affitto, hanno portato alla luce una vera e propria evasione fiscale, oltre ad una procedura irregolare di locazione.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.