30 luglio 2014 - Ravenna, Cronaca

“La sordità non è un limite”: Carla e Luna inaugurano il loro negozio di informatica

“Un sogno realizzato inseguendo la passione per la tecnologia e abbattendo le barriere architettoniche”

Due imprenditrici sorde, Carla Ciotti, nativa di Riccione ma che vive a Ravenna, allenatrice della squadra di calcetto "Faience" di Faenza e direttore tecnico della nazionale sorda femminile di calcio, e Luna Bizzarri, fotografa e informatica romana, hanno deciso di intraprendere insieme un nuovo cammino professionale.

Nei giorni scorsi, alla presenza dell’assessore alle attività produttive Massimo Cameliani hanno  inaugurato il loro nuovo negozio di informatica in via Zalamella, 3 a Ravenna. Un sogno realizzato inseguendo la loro passione, la tecnologia, e abbattendo contemporaneamente le barriere ‘architettoniche’.

“Crediamo che la sordità non sia un ostacolo – affermano Carla e Luna -, ma, al contrario, un modo per integrarci ancora di più con il mondo udente che ci circonda, poiché agli occhi degli altri il nostro mondo appare invisibile e sconosciuto. E' il primo negozio gestito da due ragazze sorde e crediamo che questo possa essere solo l'inizio di un nuovo percorso che dia la possibilità a tutti di interagire tra loro, udenti e sordi”.

L’assessore Cameliani si è congratulato con le due imprenditrici “per il coraggio dimostrato con la loro iniziativa. Auspico che questa esperienza sia d’esempio per tanti e auguro a Carla e Luna tanta fortuna”.

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.