27 agosto 2014 - Ravenna, Agenda, Eventi

Festa dell’Unità, svelati gli incontri politici, “Ma ci saranno delle sorprese”

Meno due giorni alla manifestazione. Il segretario provinciale PD De Pascale, “Manca un mese alle primarie. Dopo le dimissioni di Errani un eccesso di attendismo e tatticismo”

“Una festa dello stare insieme, che mette in gioco un patrimonio prezioso di sentimenti, passioni e valori che appartengono al Partito Democratico e a un’intera comunità”:  anche per l'edizione 2014 sarà questo il cuore della Festa dell’Unità, così descritta dalle parole del segretario provinciale del partito Michele De Pascale, durante l’incontro di presentazione dell’evento, tenutosi quest’oggi. De Pascale ha poi continuato: “Le feste sono di chi serve ai tavoli, prepara il ragù e spilla le birre; di chi discute con il compagno che taglia il pane troppo alto e ascolta gli sfoghi degli avventori, negli stand gastronomici, e che poi arriva alle 2 di notte stanco, ma soddisfatto. Migliaia di volontari, donne e uomini, le pensano, le costruiscono e le gestiscono”.

 

 

Nel corso della presentazione, De Pascale si è espresso anche sul particolare momento politico che vive la regione nel post Errani: “Durante questo mio primo anno da segretario – ha esordito De Pascale – ho partecipato a 43 feste del PD e ogni sera le domande riguardo al nuovo presidente della Regione erano pressanti. Dopo le dimissioni di Errani c’è stato un eccesso di attendismo e tatticismo da parte di tutti. Manca un mese alle primarie: le ultime candidature potranno essere presentate entro domani e i candidati potrebbero essere dai 3 ai 5. Speriamo che immediatamente dopo si possa incominciare a parlare di contenuti”.

 

“La cosa che mi appare strana – conclude il segretario – è che si discute tanto di ciò che ha in programma il PD per l’Emilia Romagna, ma delle altre forze politiche che dovrebbero comunque essere coinvolte, i 5 Stelle e Forza Italia, non si sa nulla: loro non si esprimono e nessuno li interroga. Non arrivano da loro né idee, né proposte, né critiche: tutto si sta giocando all’interno dei confini del PD”.

 

 

Tornando alla “Grande Festa”: Sono circa un migliaio anche quest’anno i volontari impegnati a muovere ogni sera la macchina della manifestazione al Pala De Andrè, che si svolgerà da venerdì 29 agosto a lunedì 15 settembre e che “offrirà ai cittadini un evento di alto livello”, spiegano gli organizzatori .

 

 

“In primo piano, naturalmente gli incontri per discutere di politica, attualità, del PD e del governo – continua l’organizzazione - Praticamente ogni sera lo spazio dibattiti ospiterà i protagonisti della politica italiana e locale”.

 

Si apre venerdì 29 agosto (ore 21) con l’intervista al sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci e al presidente della Provincia, Claudio Casadio.

 

Tra gli incontri (in allegato il calendario completo):

 

Sabato 30 agosto sarà la volta di Giuliano Poletti (ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali);

domenica 31 agosto arriva alla Festa dell’Unità la parlamentare europea Cécile Kyenge;

Lunedì 1 settembre l’incontro è con Maria Elena Boschi, ministro per le riforme costituzionali e per i rapporti con il Parlamento.

Alle ore 18.30 di martedì 2 settembre, si terrà invece un’intervista a Pierluigi Bersani, parlamentare PD.

 

Alle ore 18.30 di sabato 6 settembre, lo spazio intervista sarà invece dedicato a Matteo Orfini, presidente dell’Assemblea nazionale del Partito Democratico.

Domenica 7 settembre alle ore 21 il pubblico potrà assistere all’incontro ‘L'università che vogliamo. Dalle politiche nazionali all’università ravennate’, con Andrea Baldini (segretario nazionale Giovani Democratici), Lorenzo Margotti (segretario provinciale Giovani Democratici) Antonio Penso (direttore Fondazione Flaminia), Giovanni Crocetti (Asur), Francesco De Maglie (Kartoffel).

Alle ore 21 di martedì 9 settembre, intervista a Lorenzo Guerini, vicesegretario del Partito Democratico e Michele De Pascale, segretario provinciale del Pd.

Alle ore 18.30 di giovedì 11 settembre, si terrà invece l’incontro con Paolo De Castro, parlamentare europeo e con il senatore del PD Stefano Collina; alle ore 21 sarà invece la volta di Riccarda Casadei.

 

“Non mancheranno comunque delle sorprese – sottolineano gli organizzatori – tra le altre attendiamo ad esempio la risposta di Dario Franceschini. Faremo di tutto anche per avere Matteo Renzi, anche se riteniamo che parteciperà unicamente alla festa nazionale dell’Unità di Bologna, nella quale interverrà il 7 settembre alle 17”.

 

Più ricco che mai il programma degli spettacoli, che si apre, venerdì 29 agosto, con un omaggio ai Nomadi, con la loro cover band “I Bambini Portoghesi”;

sabato 30 agosto sul palco arrivano “The Original Wailers”, la formazione reggae che vede al proprio interno Al Anderson, il leggendario chitarrista di Bob Marley. “Anderson – spiegano gli organizzatori - ha deciso di ricreare le atmosfere che costituiscono la storia di questa musica, ma non in modo ‘nostalgico’. Il sestetto proporrà i brani dell'ep Miracle, pubblicato nel 2012 e nominato ai Grammy Awards come Best Reggae Album, in unione con grandi classici del passato come quelli tratti dall’album ‘Legend’, a tracciare una linea di continuità con un percorso intrapreso molti anni fa (concerto a pagamento, 10 euro. www.ticketone.it)”.
“Non sarà da meno il concerto del 31 agosto – continua l’organizzazione -  con Eugenio Finardi, sul palco centrale alle ore 21.00; lunedì 1 settembre tornano in scena a Ravenna i “Guercia Figura Goffa”, quartetto nato nel 1971 e rimasto in attività per una decina d'anni, con tournée in tutt'Italia.

 

La sera successiva, appunto il 2, si esibirà Alessandro Ristori. Mercoledì si procede con I Corvi, più duri e ‘cattivi’ dei loro coetanei di riferimento (Equipe 84 e Nomadi), originari di Parma, si erano ispirati al rock inglese, fino a imitarne in parte anche il look. Nei primi concerti si esibivano davvero con un corvo appollaiato su una chitarra. Del gruppo originario è rimasto il batterista Claudio Benassi, ultimo dei ‘ragazzi di strada’ che ha raccolto attorno a sé musicisti di valore, per riproporre i mitici brani degli anni Sessanta.

Largo all'umorismo, poi giovedì 4, quando tornerà sul palco della festa Giuseppe Giacobazzi, originario di Alfonsine. Attore e cabarettista, si è anche autodefinito ‘poveta romagnolo vinificatore’. Il 5 settembre la scena sarà tutta per i Bluvertigo – sottolineano gli organizzatori - Una reunion storica, con ancora in prima fila Marco ‘Morgan’ Castoldi. I Bluvertigo hanno segnato in maniera indelebile un'intera epoca del pop italiano. Aggiornando la forma canzone alle visioni futuriste dei Kraftwerk e allo spirito glam di David Bowie, Morgan e soci hanno forgiato una creatura che nel corso della sua storia ha riscritto il modo di fare pop nel Belpaese (concerto a pagamento, 20 euro www.ticketone.it).

Ancora beat italiano, con un artista davvero inossidabile: si tratta di Maurizio Vandelli, sul palco centrale sabato 6 settembre. Domenica 7 settembre è dedicata alla comicità, con una coppia che ha raccolto successi nei programmi televisivi e al cinema: i bolognesi Gigi e Andrea.

Serata in omaggio alle donne della musica, quella di lunedì 8, con il concerto da Mina a Tina Turner, con special guest Dora Moroni. I Crazy Bulls saliranno sul palco martedì 9 settembre: si tratta di una band e una scuola di ballo che rilanciano il country degli anni Settanta. La band è formata da 6 elementi ed è accompagnata dalle coreografie di sette ballerini. Quando li si ascolta è praticamente impossibile non iniziare a ballare.

Mercoledì 10 arriva alla Festa dell'Unità un altro ospite d'eccezione: Marco Morandi con la Rino Gaetano band, cover band ufficiale dell’artista crotonese.

L’11 settembre serata cabaret con i comici romagnoli; mentre il 12, arrivano, attesissimi, gli Afterhours.

Dissacranti e ironici, ma accompagnati da chi ha cantato in versione originale quelle canzoni, ecco arrivare, sabato 13, i Gem Boy e Cristina D’Avena, appunto la colonna sonora dei ‘manga' e dei cartoni animati televisivi degli anni Ottanta e Novanta.

Domenica 14, un altro nome di qualità: Umberto Tozzi; mentre lunedì 15 settembre – concludono gli organizzatori – Ravenna live 2.0 con una speciale intervista a Riccarda Casadei con le figlie Letizia e Lisa”.

 

Altri appuntamenti

 

Lo spazio Anpi ospiterà per tutto il periodo della festa una mostra dedicata a Gino Gatta. Accanto alla Libreria, che quest’anno ha trovato spazio all’interno del Palazzetto, sarà allestita la mostra dedicata al 50esimo anniversario del funerale di Togliatti.

La libreria sta predisponendo una serie di incontri con l’autore. Già in calendario la presentazione di ‘Gli irregolari. Amori comunisti ai tempi della Guerra fredda’ (Laterza), nuovo saggio di Anna Tonelli, venerdì 29 agosto, alle 21; e di ‘All’ombra dell’Impero’ (Baldini e Castoldi) romanzo di Alberto Custerlina, sabato 30 agosto, sempre alle 21.

A seguire interverranno gli autori Giancarlo D’Orazio, “La ragazza che cuciva gli aeroplani”, Ed.Moderna (2 settembre); Stefano Mellini, “Bologna Ovest”, Ed Pequod (5 settembre), Massimo Padua, “A un passo dalla luna piena”, Fernandel (6 settembre), Serena  Stanghellini, “L’avvocata”, Ed Il Girasole (7 settembre), Claudio Panzavolta, “L’ultima estate al Bagno Delfino”, Isbn Edizioni (12 settembre); Stefano Bonazzi, “A bocca chiusa”, Newton Compton (14 settembre).

 

‘Atmosfere del Novecento volti e paesaggi’ è poi il titolo della grande mostra, curata da Silvana Costa e organizzata dall’associazione culturale Cerbero, con il Patrocinio della Regione Emilia-Romagna. Negli spazi del Pala De André saranno esposte oltre 100 opere a partire dagli anni Venti fino agli anni Settanta del Novecento, di autori straordinari come Balla, Cagli, Campigli, Carena, Carrà, Casorati, Clerici, De Chirico, De Grada, De Pisis, Fazzini, Guidi, Guttuso, Maccari, Martini, Mirko, Rosai, Savinio, Sciltian,Severini, Sironi, Soffici, Tosi, Vedova, Vespignani. La mostra sarà inaugurata venerdì 29 agosto, alle 19.00. Sarà poi aperta fino al 15 settembre, tutti i giorni dalle 19.30 alle 23.30 (ingresso gratuito).

 

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.