10 febbraio 2015 - Ravenna, Cronaca, Eventi

Giorno del Ricordo, in Classense si proietta “Il sorriso della Patria”

Oggi, 10 febbraio, il ricordo delle vittime dei massacri delle foibe e dell’esodo giuliano dalmata

In occasione del Giorno del Ricordo con il quale quest’oggi, 10 febbraio, si commemorano le vittime dei massacri delle foibe e dell’esodo giuliano dalmata, è in programma alle 17, alla sala Muratori della biblioteca Classense (via Baccarini 3), la proiezione del documentario “Il sorriso della patria - L’esodo giuliano-dalmata nei cinegiornali del tempo. Immagini, schede e testimonianze sulla storia del confine orientale per gli studenti di oggi”, realizzato dall’Istituto piemontese per la storia della Resistenza.

 

Dopo un saluto introduttivo del sindaco Fabrizio Matteucci, l’opera sarà presentata da Alessandro Luparini, direttore della Fondazione Casa di Oriani, e da Giuseppe Masetti, direttore dell’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea in Ravenna e provincia.

 

L’appuntamento è promosso dall’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea in Ravenna e provincia e dalla Fondazione Casa di Oriani, in collaborazione con l’Istituzione biblioteca Classense, con il patrocinio del Comune e della Provincia.

 

Soggetto, testi e ricerche sono di Enrico Miletto; regia e montaggio di Giulia Musso; il coordinamento è di Riccardo Marchis.

 

Nel documentario, della durata di 45 minuti, sono confluiti i più noti cinegiornali della Settimana Incom proiettati nelle sale cinematografiche italiane fra il 1947 e il 1954 sul tema delle foibe e sulle numerose scene di partenza di esuli giuliano -dalmati.

 

La città di Torino, come altre del Piemonte, fu infatti una delle principali mete dei profughi e lì è cresciuta un’importante comunità presso la quale è stato possibile raccogliere le testimonianze audio, come pure a Firenze, Barletta, Servigliano e Carbonia, tra gli eredi di questa memoria dolente.

 

Dopo una breve premessa storica che spiega le tensioni fra le comunità di confine a partire dal 1918, i materiali audiovisivi dell’epoca, girati in bianco e nero, restaurati e mixati, arricchiti da narrazioni individuali, riportano a quei giorni drammatici unitamente a materiali di propaganda tesi a dimostrare che i governi degli Anni ‘50 avevano avuto grande attenzione per i profughi e le loro sistemazioni abitative.

 

Da un cinegiornale del 1950 è infatti tratta la frase che dà il titolo al documentario, “Dovunque in Italia ci sarà sempre il sorriso della Patria”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.