31 marzo 2010 - Ravenna, Economia & Lavoro

“Servizi agli immigrati, perché è stata coinvolta solo la Cna?”

Confartigianato e Confesercenti: “Scelta unilaterale del Comune”

I presidenti comunali della Confartigianato e della Confesercenti, Roberta Pari e Gianluca Gasperoni, hanno scritto questa mattina una nota al sindaco e all’assessore all’Immigrazione.

Materia del contendere - “notizia appresa dalla stampa locale” - il protocollo sottoscritto e pubblicizzato tra Comune e Cna per migliorare il governo locale dell’immigrazione. Le associazioni “stigmatizzano la scelta unica e unilaterale fatta dall’Amministrazione nei confronti di una sola associazione datoriale”.
Confesercenti e Confartigianato “hanno chiesto di ridiscuterla, affrontando la questione correttamente con tutte le associazioni datoriali interessate che sono e devono essere un naturale interlocutore anche su queste tematiche condividendone peraltro, non da oggi, le finalità”.

Le due associazioni nella nota sottolineano che “al proprio interno svolgono da anni, con investimenti e in silenzio la maggior parte dei servizi citati nel protocollo, con diverse attività autonome messe in atto da cittadini stranieri. Realtà verso la quale Confartigianato e Confesercenti hanno promosso azioni di varia natura, formazione compresa, che non hanno avuto in altre occasioni analoga attenzione e sostegno. Per quale ragione c’è stata questa diversità di valutazione e collaborazione e questo metro di valutazione diversa sulle Associazioni da parte dell’Amministrazione?”

La nota si conclude con un invito finale all’Amministrazione: “Quanto accaduto riteniamo meriti una chiarificazione e una conseguente modifica anche al fine di non ingenerare pericolosi e controproducenti precedenti”.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.