6 aprile 2010 - Ravenna, Cronaca

Terremoto, l’Abruzzo non dimentica la solidarietà dell’Emilia-Romagna

Iniziative a un anno dal sisma. L’impegno dei volontari ravennati

Un anno fa il terremoto che ha sconvolto l’Abruzzo. Oggi, per commemorare la tragedia e la mobilitazione, l’amministrazione comunale di Villa Sant’Angelo, guidata dal sindaco Pierluigi Biondi ha organizzato una serie di iniziative tra le quali la proiezione di un video sul lavoro svolto dai volontari e dall’Agenzia regionale di protezione civile dell’ Emilia-Romagna.

Alla manifestazione, spiega la Provincia, erano presenti il sottosegretario di Stato alla protezione civile, Guido Bertolaso e il responsabile della protezione civile della Regione Emilia-Romagna, Demetrio Egidi. Ha partecipato alla cerimonia anche l’assessore provinciale alla protezione civile, Eugenio Fusignani, con otto volontari in rappresentanza dei 250 ravennati che si sono alternati, assieme ai funzionari della Provincia, in questi mesi nei lavori di allestimento dei campi e del poliambulatorio.

“All’appuntamento di oggi non potevamo certo mancare”, ha commentato Fusignani. Tra le prime colonne mobili a partire per l’Abruzzo nelle ore successive al terremoto c’era quella della nostra regione con cinque volontari ravennati. Gli stretti legami, soprattutto umani, che si sono instaurati in questi mesi tra i rappresentanti delle istituzioni , i volontari e cittadini di Villa Sant’Angelo – dichiara Fusignani – sono la base del successo del lavoro sin qui svolto, che tra l’altro ha permesso l’accessibilità a tutta la zona rossa del paese e la possibilità per i cittadini di Villa Sant’Angelo di abitare già il villaggio, interamente finanziato dalla Provincia di Trento. Il nostro territorio nazionale è unico, come unica è la gente che lo abita. Nessuna riforma federalista potrà dividere ciò che con tanto sacrificio si è voluto costruire e che chiunque in questa occasione ha potuto constatare”.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.