7 aprile 2010 - Ravenna, Cronaca

Castiglione, 4 arresti nel mese di marzo

Spaccio di droga e immigrazione clandestina i reati commessi

Continuano i controlli svolti dai carabinieri della stazione di Castiglione di Ravenna per contrastare l’immigrazione clandestina.

Nel mese di marzo sono ammontati a 4 gli arresti effettuati, di cui 2 per violazione della Bossi-Fini e 2 su provvedimento di ordinanza di custodia cautelare in carcere.
Il 20 marzo è stato arrestato Paulo Vitor Vieira De Souza, nato a San Paolo del Brasile nel 1987, risultato colpito da provvedimento di espulsione emesso dal prefetto di Ravenna il 4 marzo scorso.
Nello stesso giorno è stato arrestato anche Moustapha Sall, nato in Gabon nel 1993, colpito da un provvedimento di espulsione emesso dal prefetto di Aosta il 3 gennaio di quest’anno. Il giovane ha tentato la fuga e questo gli è costato anche l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Il 10 marzo è stato arrestato Pape Tall, senegalese classe 1981, nullafacente, pluripregiudicato. L’arresto è avvenuto su ordine di carcerazione del tribunale di Torino, che lo ha condannato a 2 anni, 4 mesi e 3 giorni di reclusione, oltre al pagamento di una multa di 14mila euro, per spaccio e attestazione di falsa identità.
Infine, il 6 marzo è stato arrestato, dietro ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal tribunale di Firenze, Ibrahima Eldhadji Fall, senegalese, classe 1972. L’uomo è stato ritenuto responsabile di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.