17 aprile 2010 - Ravenna, Cronaca

Chiede il permesso di soggiorno presentando un passaporto falso

E' finita con l'arresto l'avventura di un nigeriano di 39 anni

Un cittadino nigeriano di 39 anni, O.S.I., si è presentato in questura per ottenere il permesso di soggiorno presentando come documento di identità un passaporto falso.

L’uomo si era presentato agli sportelli dichiarando di essere beneficiario delle agevolazioni previste dalla sanatoria per il lavoro irregolare, ma il passaporto che ha presentato agli agenti ha fatto sorgere seri dubbi sulla sua ‘genuinità’.
Rispetto ai documenti originali rilasciati dalle autorità nigeriane risultava risultava discordante in diverse parti. I sospetti sono stati confermati grazie a una specifica apparecchiatura in dotazione al comando della polizia municipale di Ravenna.

Il passaporto è stato sequestrato e lo straniero sottoposto a rilievi fotodattiloscopici, dai quali è emerso che era clandestino, avendo fatto ingresso in Italia privo del visto e senza validi  documenti.
A conclusione degli accertamenti, condotti dalla Mobile,  lo straniero è stato arrestato per possesso di documenti di identificazione falsi e per aver alterato documenti al fine di determinare il rilascio di un permesso di soggiorno.
L’arrestato, trattenuto nelle camere di sicurezza della Questura, verrà giudicato con il rito direttissimo questa mattina.
Sono in corso ulteriori accertamenti da parte della squadra Mobile anche in relazione ai  casi analoghi che si sono verificati nei giorni scorsi.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.