19 aprile 2010 - Ravenna, Cronaca

Rifiuti a Ravenna, il 2010 si apre all'insegna della differenziata

La raccolta separata ha toccato il 55% nei primi tre mesi dell'anno

Raccolta differenziata in aumento anche nei primi mesi del 2010. Il 2009 si era concluso con il risultato del 52% di raccolta differenziata, ma i primi tre mesi dell’anno nuovo hanno fatto registrare un aumento ulteriore di 3 punti, toccando quota 55%.
La raccolta differenziata nel Ravennate è quindi sopra la media del Nord Italia, che secondo il “Rapporto rifiuti Ispra 2008” ha raggiunto nel 2007 il 42,4%, mentre a livello nazionale la media nello stesso periodo si è fermata al 27,5%.
E’ in leggera crescita la quantità di rifiuti complessivi prodotti nei primi tre mesi del 2010, + 2.300 tonnellate rispetto ai primi tre mesi del 2009, ma sono aumentate tutte le tipologie di rifiuti raccolti in maniera differenziata, in particolare il cartone, la plastica, l’organico e i rifiuti verdi quali sfalci e potature.

Proseguendo un trend già iniziato da tempo, con una crescita del 50% negli ultimi anni, anche i conferimenti di grandi e piccoli elettrodomestici alle stazioni ecologiche sono aumentati: il quantitativo di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, i Raee, raccolto procapite da Hera è di 5 kg, in linea con gli standard europei, a fronte di un obiettivo da normativa di 4 kg e una media italiana per abitante di 1,9 kg.
“E’ evidente - ha dichiarato il direttore generale della Sot di Ravenna, Tiziano Mazzoni - l’impegno dei cittadini e delle attività commerciali e produttive per raggiungere sempre migliori risultati nella raccolta differenziata, aiutati in questo dai servizi che Hera, in collaborazione con le amministrazioni comunali, mette loro a disposizione”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.