11 giugno 2015 - Ravenna, Cronaca

Ravenna, “Lo sciopero degli scrutini registra percentuali bulgare”

Marcella D’Angelo, segretaria generale Flc Cgil: “un chiaro messaggio per il Governo”

“Lo sciopero degli scrutini proclamato a livello nazionale da Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda ha restituito anche nella nostra provincia risultati eclatanti e i dati sono ancora parziali poiché in molti istituti i primi due giorni di scrutinio sono ancora in corso”, a spiegarlo è Marcella D’angelo, segretaria generale della Flc Cgil di Ravenna che sottolinea, “il Governo ha il dovere morale e civile di ascoltare davvero il mondo della scuola, non di fingere ascolto e aperture valevoli solo per propaganda. All'Iti Baldini lo sciopero ha fatto registrare percentuali bulgare che hanno raggiunto l'apice del 100%; lo stesso all'It commerciale Ginanni, alla scuola primaria Garibaldi di Porto Corsini, all'i.c. Alfonsine, il 90% all'istituto alberghiero Artusi di Riolo,   l'80% all'i.c. Darsena, alla secondaria di secondo grado i.c. Cervia 2  e poi ancora il 70% al liceo di Lugo.

Ravenna lancia quindi anche attraverso questo sciopero, un messaggio chiaro al premier e al ministro della pubblica istruzione: ‘Stiamo facendo sul serio e non ci fermeremo. Lo sciopero del 5 maggio che in provincia ha sfiorato il 73% di adesione era solo l'inizio, non ci siamo mai fermati ne abbiamo intenzione di arrenderci’.

Il cambiamento in positivo di una nazione passa prima di tutto dalla scuola e dall'istruzione, non si può prescindere da essa e un disegno di legge autoritario, antidemocratico e anche anti costituzionale, non dà certo gambe alle reali necessità della scuola e quindi del Paese.

Questo è l'ennesimo atto di una protesta – conclude D’Angelo - che non andrà in vacanza nonostante la bella stagione, molteplici infatti le iniziative svolte finora e tante quelle che ci apprestiamo a svolgere nei prossimi giorni”.

 

 

Tag: scuola

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019