18 giugno 2015 - Ravenna, Cronaca

Approvate in Regione le nuove norme anti-mafia

Mirco Bagnari (PD): “Alziamo le barriere contro la criminalità organizzata”

“Approvata in aula la nuova legge regionale contro le mafie. Con queste nuove norme alziamo ancora di più le barriere contro la criminalità organizzata”. A darne notizia è il consigliere regionale PD Mirco Bagnari.

 

“Le nuove norme - afferma il consigliere PD - prevedono il rafforzamento dell’Osservatorio regionale, l’istituzione della Consulta regionale per la prevenzione del crimine organizzato e mafioso e per la promozione della cultura della legalità. Presso l’Osservatorio verrà garantito un costante monitoraggio delle iniziative sviluppate attraverso la legge, verranno incrociate le banche-dati e le fonti informative finora disperse. Verranno inoltre predisposti rapporti conoscitivi che verranno messi a disposizione della Giunta, della comunità regionale e di un nuovo organismo. La Consulta, che vedrà il coinvolgimento di una personalità importante nella lotta alla mafia come il magistrato Antonino di Matteo, avrà funzioni propositive e consultive”.

 

 Verrà anche convocata una Conferenza regionale sulla legalità, per coordinare al meglio gli interventi di prevenzione, nonché le azioni finalizzate al sostegno degli Enti Locali destinatari di beni immobili confiscati.

 

“Il prossimo obiettivo - conclude Bagnari - è la realizzazione di un Testo unico al quale tutte le forze politiche, di maggioranza e di minoranza, e la stessa Consulta sono chiamati a contribuire. Il nostro impegno, come Partito Democratico, è quello di agire su più fronti facendo appello al senso civico di tutti i rappresentanti istituzionali e cittadini perché la legalità è un bene comune”.

 

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.