25 giugno 2015 - Ravenna, Cronaca

Patuelli con Sergio Mattarella all’intitolazione della nuova biblioteca dell’ABI

La dedica a Stefano Siglienti, banchiere e figura eminente dell’Italia repubblicana

Alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e del Presidente dell’Associazione Bancaria Italiana e del Gruppo Cassa di Risparmio di Ravenna Spa, Antonio Patuelli, domani, venerdì 26 giugno, a Roma presso le Antiche Scuderie di Palazzo Altieri, sarà intitolata la Nuova Biblioteca dell’ABI a Stefano Siglienti, banchiere e figura eminente dell’Italia repubblicana, rifondatore dell’Abi negli anni che seguirono la seconda guerra mondiale e tra i protagonisti della ricostruzione economica, finanziaria e culturale dell’Italia.  Al suo impegno di economista e di uomo di Stato e alla sua straordinaria attività, il Presidente Patuelli, dedicherà il suo discorso.

 

La Nuova Biblioteca dell’ABI raccoglie i volumi pubblicati dalle banche italiane dalla seconda metà dell’Ottocento ai nostri giorni. Un patrimonio librario dalle caratteristiche uniche che testimonia l’originalità prettamente italiana dell’editoria bancaria, capace di comprendere e raccontare in profondità temi estremamente vari, dai capolavori artistici nazionali alle esperienze culturali locali e di nicchia.

 

L’iniziativa dell’ABI, di ricordare la figura di Stefano Siglienti, dedicandogli la prestigiosa biblioteca situata presso le antiche Scuderie di Palazzo Altieri nello spazio ristrutturato da Gae Aulenti, testimonia l’impegno concreto per la cultura italiana da parte delle banche e rafforza il contributo per la tutela e la valorizzazione del patrimonio storico e artistico nazionale.

 

La cerimonia potrà essere seguita in diretta streaming a partire dalle ore 11. (www.abi.it)

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.